Visualizzazione post con etichetta Sovranità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sovranità. Mostra tutti i post

venerdì 24 aprile 2015

C’È BISOGNO DI SOVRANITÀ: POPOLARE !!!

Il primo articolo della nostra Costituzione, dopo aver definito l’Italia come una Repubblica, stabilisce, al secondo capoverso che “la sovranità appartiene al popolo”.
I latini avrebbero detto: "in claris non fit interpretatio”, nel senso che la norma è cosi chiara che non c’è bisogno di interpretazione. Detentore unico dell’esercizio del potere in Italia, è il popolo: principio questo che è la spina dorsale delle democrazie. 
Tuttavia, assistiamo ormai da tempo, ad una progressiva, inesorabile e sembra inarrestabile sottrazione della sovranità all’unico soggetto detentore, il popolo appunto. 
Un processo che, a mio parere, aggrava la crisi economica, morale, etica del nostro paese. E non mi riferisco alle limitazioni di sovranità previste dalla stessa Costituzione per la partecipazione a soggetti di diritto internazionale, della quale parlerò nel mio prossimo intervento, ma a quel “furto” di sovranità che sta facendo piombare nell'oblio il Bel Paese. 
Tutto ha inizio con il cd. “Porcellum”, sistema elettorale dichiarato incostituzionale dal Giudice delle Leggi, con la sentenza di gennaio 2014, che eliminò la possibilità per l’elettore di scegliersi il suo rappresentante. Da qui una serie di “Parlamenti” e di parlamentari si sono succeduti alla guida del Paese disintegrando, col passare del tempo, qualsiasi tipo di contatto, collegamento, rapporto con il corpo elettorale. In effetti che bisogno c’era più di ascoltare le istanze dei cittadini, di provare a dare risposte concrete, se era sufficiente essere amico del segretario di partito per aver certezza della elezione in Parlamento? E’ naturale che ogni istanza dei cittadini venisse considerata un fardello che non si aveva la necessità ed io dico il dovere di risolvere, perché tanto l’elettore era stato derubato del suo potere di scegliere quale personaggio potesse rappresentarlo.
Le segreterie che i Parlamentari avevano presso i collegi in cui erano eletti, e presso le quali i cittadini potevano rivolgersi per presentare le loro istanze, che potevano servire come spunto per la formazione delle leggi, sono state via via eliminate. Da qui una involuzione galoppante del rapporto tra eletti ed elettori, che ha determinato per i primi l’allontanamento dai secondi, e per questi ultimi una “solitudine politica” che ha aggravato quelle crisi economiche, sociali, etiche e morali e che rischiano, con il passare del tempo di esplodere in maniera terrificante. Anche i provvedimenti legislativi che partorisce il Parlamento sono testimonianza dello scollamento tra rappresentati e rappresentanti, perché portano con sé, una indifferenza strisciante, sprezzante ed irritante verso quelli che sono i problemi della vita reale dei cittadini: e ciò è conseguenza della distanza siderale che i cittadini hanno dai Parlamentari. 
Se la Corte Costituzionale da un lato ha evidenziato l’illegittima costituzionale del Porcellum, costringendo il Parlamento a legiferare in merito per ripristinare il rapporto tra eletto ed elettore ( suffragio universale e diretto), dall'altro i cittadini, contrariamente a quanto succede oggi, devono pretendere dai Parlamentari, che lo svolgimento del proprio mandato sia caratterizzato dalla trasposizione in Parlamento di quelle che sono le loro esigenze ed i loro bisogni. Tutto il corpo elettorale, deve fare in modo che il freddo glaciale nel rapporto tra cittadini e parlamentari, che ha determinato il Porcellum, in attesa di una legge che lo rinsaldi, sia scongelato dalle proprie proposte, idee, proteste, pretendendo risposte concrete, verificabili sui territori. 
Naturalmente questa è solo la prima fase di un processo che ha la necessità di concludersi con la definizione di un sistema elettorale, attraverso il quale chi siederà in Parlamento debba avere un rapporto così stretto con i cittadini da non poterne eludere e deludere le istanze. 
In mancanza di ciò rischieremmo veramente che il popolo si riappropri della sovranità utilizzando modi poco ortodossi, che nulla hanno a che fare con il vivere civile, ma che diventano gli unici da utilizzare.
Dott. Francesco DE NOIA 
Coordinatore Regione Puglia Riva Destra

www.studiostampa.com

sabato 21 marzo 2015

EURO: Governo, sempre Forte con i Deboli e sempre Debole con i Forti !

I conti sono destinati a peggiorare sempre fino al nostro fallimento, anche dissanguando completamente il popolo (e lo stanno facendo). Se non siamo TITOLARI della Moneta non possiamo guidare ne inflazione, ne svalutazione. I SOLDI LI STIAMO COMPRANDO DA UN PRIVATO E NON POTREMO MAI PAGARLI PERCHÉ IL FORNITORE APPLICA UN TASSO CHE DOVREMMO PAGARE CON ALTRI SOLDI STAMPATI CON ALTRO TASSO ! Se poi si preferisce far finta di non capire, tentando di dare la colpa sempre all'avversario politico e mai al meccanismo perverso che ha una precisa DATA di inizio e delle chiare FIRME sugli accordi, possiamo solo augurarci di morire presto per abbreviare l'agonia ! 

Europa forse parzialmente salvabile - EURO MORTO !

www.studiostampa.com

giovedì 7 novembre 2013

Euro, Europa, Unione Europea, Stati Uniti d'Europa e Sovranità !




martedì 5 novembre 2013

Euro, Europa, Referendum e Sovranità




lunedì 21 ottobre 2013

POLITICA: Stato Sovrano, Moneta Sovrana !

Vogliamo una Nuova Destra Italiana che abbia nel suo Programma il non rispetto del Patto di Stabilità Europeo (mai votato dal Popolo) e l'abbattimento del limite del 3% nel rapporto tra deficit e PIL. Questa è Sovranità, il resto solo chiacchiere sulla pelle degli Italiani. 
(Aldo Atti - Riva Destra)
Euro, Europa, Unione Europea e Stati Uniti d'Europa ! 
Diamoci un Governo Forte, Credibile, Serio e usciamone, prima che sia troppo tardi 
(forse già lo è). 
Questa Europa ci sta Uccidendo ! 

martedì 10 settembre 2013

RIVA DESTRA: Un Popolo, Una Nazione !

Un POPOLO ed una NAZIONE senza SOVRANITÀ vivono in una condizione di schiavitù mascherata da democrazia. L'Italia è in catene da decenni e i Padroni Stranieri hanno sempre potuto contare sulla collaborazione volontaria od oggettiva di ben note formazioni politiche. Dai comunisti con L'URSS ai democristiani con gli Usa. Come non pensare alla "oggettiva" coincidenza dell'antiberlusconismo di Fini e degli Stati Uniti con conseguente destabilizzazione del Governo Berlusconi e della sua politica estera (Putin, Libia). Come non pensare agli elogi dell'ambasciatore americano a Roma verso le 5 Stelle di Grillo oggettivamente utili a destabilizzare l'Italia quale Stato "europeo" e ad impedire eventuali "rivincite" di Berlusconi. Dall'ENI di Enrico Mattei alla Sigonella di Craxi agli accordi commerciali di Berlusconi con la Russia di Putin e la Libia di Gheddafi. Sprazzi di "Sovranità" spazzati via dalla prepotenza americana e dagli "interessi" inglesi e francesi. Per non parlare dell'Europa "tedesca". 
Il nostro Nazionalismo si chiama "SOVRANITÀ". 
Sulla RIVA DESTRA per POPOLO E NAZIONE. 

di Aldo Atti 

www.studiostampa.com