Visualizzazione post con etichetta Festa Tricolore. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Festa Tricolore. Mostra tutti i post

giovedì 9 luglio 2020

SABATO 11 LA FESTA TRICOLORE PROVINCIALE DI RIVA DESTRA A PALESTRINA (ROMA).

ROMA, 9 lug - "Dopo la splendida due giorni della IV Festa Tricolore Nazionale, tenutasi a Roma il 30 giugno e il 1 luglio scorsi, alla quale sono intervenuti il capogruppo alla Camera di Fratelli d'Italia Francesco Lollobrigida, i tanti parlamentari con i quali Riva Destra interagisce sui territori e qualificate delegazioni di Lega, Forza Italia, Cambiamo con Toti e Partito Radicale, Sabato la comunita' militante di Roma e Provincia si ritroverà a Palestrina (Roma) in una giornata di tavole rotonde e di interventi politici, incorniciata da pranzo comunitario e spazi per i bambini".
Lo annuncia in una nota l'ufficio stampa di Riva Destra.
"Non e' un caso -continua la nota- ritrovarsi a Palestrina dove a luglio del 2018 facemmo la seconda edizione della nostra Festa Nazionale, dopo la quale decidemmo di sposare appieno il progetto di Giorgia Meloni. Una giornata di riflessioni sul percorso fatto e un arrivederci all'annuale festa di Atreju, quando lo scorso anno abbiamo potuto festeggiare ufficialmente i nostri 25 anni di storia.
Nelle ultime settimane -prosegue la nota- abbiamo presentato gli ennesimi eletti provenienti da liste civiche e altri partiti che anno aderito a Riva Destra, aumentando cosi' il perimetro elettorale di FdI e facendolo in piena sintonia con le dirigenze locali del partito: e' la strada giusta che sentiamo di percorrere.
Mentre in altre regioni -conclude la nota- ci si avvicina al voto e Riva Destra e' pronta a dare nuovamente il suo contributo con propri candidati offerti alle liste di Fratelli d'Italia, a Roma ci prepariamo per le elezioni in Campidoglio: non intendiamo tirarci indietro per sostenere il partito guidato da Giorgia Meloni, una leader che ha saputo ricostruire la destra italiana con coraggio e coerenza".

www.studiostampa.com

martedì 7 luglio 2020

Politica: RIVA DESTRA, IV FESTA TRICOLORE.

di Luca Bonanni
Qual è l’Italia che vogliamo? Quale il futuro del nostro paese auspicato dal mondo conservatore? Come sta affrontando il Governo le sfide economiche post lockdown? Spunti di riflessione e risposte chiare sono giunte dalla IV Festa Tricolore di Riva Destra, il movimento politico guidato da Fabio Sabbatani Schiuma (nella foto), federato da oltre due anni con i conservatori e sovranisti d’Italia. Due giorni, tredici tavole rotonde, venti ore live su Radio Radicale, su sanità, economia, giustizia, sicurezza, insomma sui temi più caldi dell’attualità politica, alle quali hanno preso parte deputati e senatori di Fratelli d’Italia, su tutti il capogruppo alla Camera dei deputati Francesco Lollobrigida, della Lega e di Forza Italia. Ma anche per fare il punto sul buono stato di salute del Centro-Destra, con una Giorgia Meloni che in due anni ha oramai quadruplicato i consensi e dal 3 per cento oggi veleggia verso il 20.
Fabio Sabbatani Schiuma
E con Riva Destra, sempre attenta alle istanze dei cittadini, che lungi dal mostrarsi una corrente invasiva in FdI, cosa frequente in altri schieramenti partitici, contribuisce da venticinque anni all'elaborazione di progetti di area, e proporrà i propri candidati nelle elezioni del 21 e 22 settembre nel Veneto e nelle Marche, quando i cittadini di queste e altre cinque regioni saranno chiamati al voto. Periodo di ottimismo per la destra italiana, che, come ricordato dal senatore Massimo Ruspandini nel suo intervento, spera di continuare a affermarsi nei piccoli centri, come accaduto in Francia nelle elezioni locali in questi giorni, mentre l’elettore delle grandi città vive ormai inebriato di istanze progressiste e, tra monopattini, infatuazioni green e comunismo da Ztl, pare aver smarrito il contatto con la via della realtà e della gente comune. Uno dei nodi più spinosi e sollecitati dall'emergenza Coronavirus è la visione della sanità, la prima voce del bilancio dello stato. Nella tavola rotonda dedicata i relatori, illustri esponenti del settore, hanno enunciato la linea da tenere per una sanità la cui gestione deve restare a guida pubblica, ma che non possa non avvalersi della preziosa eccellenza dei privati, a vantaggio dei quali è conveniente appaltare dei servizi, al fine di limitare l’aumento esponenziale dei costi di gestione. Un approccio in linea con il principio di sussidiarietà che il settore privato deve conservare rispetto al pubblico, caro alla destra sociale.
Altro argomento scottante è quello del turismo, affrontato con pragmatismo e preoccupazione nel dibattito che ha avuto tra i protagonisti Silvia Carpanese, candidata di Fratelli d’Italia alle elezioni in Veneto, regione cui è stato riconosciuto il premio Italia destinazione digitale, come Regione italiana più amata dai turisti stranieri nel 2019. E’ giunta la conferma anche da una delle aree più ricche d’Italia che gli imprenditori stiano pagando di tasca loro la cassa integrazione. Particolarmente allarmante la crisi economica, attuale e prospettica, del distretto delle Terme Euganee, che in tempi ordinari vanta numeri da record, ma che nell’epoca Covid rischia di non riaprire i battenti prima del prossimo gennaio, con danni irreparabili all'indotto nelle località interessate.
A tal fine Riva destra ribadirà nella tornata elettorale la necessità di abolire l’Imposta comunale sugli immobili per i capannoni destinati alle attività commerciali e la cancellazione della Tassa di occupazione del suolo pubblico fino a quando la situazione non torni a stabilizzarsi. Alessandra Vicinanza, rappresentante per i rapporti istituzionali, ha orgogliosamente sottolineato come Riva destra sia riuscita in queste settimane a dare spazio a tante voci, nonostante il lockdown e le rigide regole che sono seguite. In conclusione, Fabio Schiuma ha tratto un bilancio più che positivo della IV Festa Tricolore, presidio di libertà davanti a Montecitorio in mesi in cui è sempre a rischio, compressa, stravolta e censurata. “E non è questa la Libertà e l’Italia che vogliamo”.

Fonte: 

www.studiostampa.com

sabato 4 luglio 2020

ILSOVRANISTA.INFO Fabio Sabbatani Schiuma (Riva Destra-FdI): siamo gli ultimi romantici della politica.

(Fonte Ilsovranista.info)
Da Martedì 30 giugno a Mercoledì 1 luglio a Roma si è svolta la IV festa tricolore di Riva Destra, il movimento politico guidato da Fabio Schiuma, federato da oltre 2 anni con i conservatori e sovranisti d'Italia.
Una festa denominata Presidio di libertà, l'Italia che vogliamo alla quale hanno preso parte, in qualità di oratori delle tredici tavole rotonde tematiche deputati e senatori di Fratelli d'Italia guidati da Francesco Lollobrigida, capogruppo alla Camera dei Deputati,Lega Salvini Premier, Forza Italia e rappresentati delle forze politiche avversarie come i radicali.
Con Fabio Sabbatani Schiuma faccio il punto della situazione di questa IV festa nazionale di Riva Destra e sulle prossime iniziative che il movimento vuole prendere da qui ai prossimi mesi caratterizzati anche da un evento politico importante come quello delle elezioni regionali che vedrà italiani di sette regioni chiamati al voto per eleggere il presidente ed i consiglieri comunali. 

1) Dallo scorso 30 giugno al 1 luglio si è svolta la IV Festa tricolore di Riva Destra, il movimento politico federato con i conservatori e sovranisti d'Italia che festa è stata? 

Sono state tredici tavole rotonde sui temi piu' scottanti dell'attualità', dall'economia alla giustizia, dal lavoro alla sanità, dal turismo alla movida, alla scuola, alla sicurezza e altro ancora, fino ovviamente alle prossime tornate elettorali. Le abbiamo mandate via etere tramite Radio Radicale, per un totale di 20 ore di dirette, e sui social sulle pagine Facebook de 'Il Sovranista.info', 'La Voce del Patriota' e 'affaritaliani.it', che ringraziamo pubblicamente. L'ospite d'onore e' stato Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera e siamo felici che con lui siano intervenuti decine e decine di parlamentari di Fratelli d'Italia. A citarli tutti servirebbe un'altra intervista pero'. Almeno pero' posso ringraziarli anche qui, come anche i militanti romani di Riva Destra guidati da Lorenzo Loiacono e la segreteria organizzativa nazionale, che hanno organizzato tutto a pennello.

2) Questa IV festa tricolore era intitolata Presidio di libertà l'Italia che vogliamo... Ci puoi spiegare il perché di questa scelta? 

Nonostante il Covid non potevamo mancare al nostro tradizionale e annuale appuntamento con la Festa Tricolore di Riva Destra. Farla come lo scorsa edizione, in un Conference Center a Roma stracolmo di persone, anche per le conclusioni di Giorgia Meloni, non sarebbe stato possibile a causa delle restrizioni da distanziamento sociale. Non era poi nel DNA di una comunità militante come la nostra, muoversi solo per videoconferenza o comunque virtualmente. Abbiamo scelto una via di mezzo: fare un gazebo e stare in piazza di fronte a Montecitorio come 'Presidio di Libertà', perché anche questa e' oramai sempre più rischio, e appunto unirlo a questi dibattiti sull'Italia che vogliamo.

3) Riva Destra, movimento federato con i conservatori e sovranisti di Fratelli d'Italia che Italia vuole? Quali sono i punti cardini della sua battaglia politica che conduce insieme al movimento politico guidato da Giorgia Meloni?

Ci sono due piani che inseguiamo e proponiamo. Il primo, prettamente organizzativo, parla di un progetto, quello di Giorgia Meloni, di rendere FdI sempre piu' inclusivo, che in due anni ha oramai quadruplicato i consensi e dal 3% oggi va verso il 20%: uno schieramento popolare e di massa quindi. Non si può a nostro avviso condensare il suo perimetro elettorale nella struttura tipica del partito, che resta fondamentale e che difendiamo fino alla morte nella sua funzione indispensabile, come quando ai tempi di Fiuggi (Riva Destra nasce infatti 26 anni fa, come primo storico di Alleanza Nazionale, n.d.r.) fummo contrari allo scioglimento del Movimento Sociale Italiano. Il resto, la partecipazione, il coinvolgimento, devono avvenire anche tramite il movimentismo, l'area intorno al partito, l'orizzontalismo, le strutture parallele, che meglio raggiungono i cittadini, soddisfano le singole preferenze ideali e preservano il partito da ogni rischio di correnti e di gruppettarismo. Lo chiamiamo arcipelago intorno alla struttura, verticale e gerarchizzata, del partito. Il secondo, ovviamente, viene direttamente dal nostro nome: Riva Destra. Ecco, un partito che si apre lo fa anche nei confronti di altre esperienze, ma noi chiediamo che la barra sia saldamente tenuta a destra. Spazio agli altri, ma son loro che devono venire verso la riva destra, non noi verso il centro. La teoria delle due rive di Pinuccio Tatarella, per intenderci.

4) Nel corso della due giorni della festa, sono stati organizzati diversi incontri tematici, convegni, tavole rotonde alle quali hanno partecipato esponenti dei 3 principali partiti che compongono il centro destra. In vista delle prossime elezioni regionali ed amministrative in che condizioni di forma hai visto il centro destra?

Se dovessi giudicare dal clima che c'e' stato tra le delegazioni di tutti i partiti che lo compongono e che sono intervenute, direi ottimo: ho visto collaborazione e unita' di intenti, dalla Lega, con l’ex Ministro Gianmarco Centinaio, la senatrice Lucia Borgonzoni e Maurizio Politi, capogruppo in Campidoglio, fino a Forza Italia con i parlamentari Maurizio Gasparri e Benedetta Fiorini; e ancora, ‘Cambiamo con Toti rappresentata dal consigliere regionale del Lazio Adriano Palozzi, responsabile organizzativo nazionale. 
Ci sono stati anche quelli del Partito Radicale con Giuseppe Rossodivita e l’on. Rita Bernardini, anche Presidente di Nessuno Tocchi Caino, con i quali sui temi dei diritti, della giustizia e dell'ambiente ci sono tanti punti di contatto, magari se mollassero un po' sulle droghe di stato e sull'aborto come contraccettivo in stile Bonino...Comunque non fa molto testo la nostra festa: di piu' lo fanno i fatti. Salvini si e' oramai liberato dall'innamoramento, folle, con il Movimento Cinque Stelle e Forza Italia dovrebbe accantonare per sempre l'idea delle larghe intese, del patto del Nazareno. E' sotto gli occhi di tutti che chi aveva ragione era Giorgia Meloni, che infatti viene premiata oggi per la sua coerenza e fermezza: il centrodestra ha vinto alle ultime regionali e amministrative e può  ripetersi, se e' davvero alternativo alla sinistra e al Movimento Cinque Stelle. La forma e' quindi ottima.

5) Domenica 21 e Lunedì 22 settembre i cittadini di sette regioni d'Italia saranno chiamati al voto per eleggere i nuovi presidenti di regione ed i consiglieri. Riva Destra, movimento federato con fratelli d'italia avrà propri candidati in lista? 

Avremo candidati in Veneto e nelle Marche e supporteremo comunque il partito in Puglia, ove comunque ne stiamo traghettando da altre aree politiche mediante il dipartimento nazionale di FdI, che Giorgia Meloni mi ha onorato di guidare e che si occupa di associazionismo politico. Riva Destra e' in perfetta sintonia con ogni dirigenza locale e regionale di FdI: per noi i coordinamenti regionali sono il punto di riferimento e non siamo interessati ad altro se non a dare il nostro contributo di numeri, idee e persone a favore del progetto di Giorgia Meloni. Tutti gli eletti che aderiscono, provenienti per lo piu' da liste civiche, li accompagniamo a mettersi a disposizione elettoralmente per allargare il consenso elettorale. Solo nell'ultima settimana, due consiglieri comunali ex Lega nel siracusano, e un sindaco e vicesindaco, civici, nel veronese, hanno aderito a Riva Destra. E questo grazie al portavoce Alfio Boschi, al vicesegretario Angelo Bertoglio e ai coordinatori regionali, Sandra Amato (Marche), Francesco De Noia (Puglia), Marika Diminutto (FVG), Giuseppe Fiorito (Trentino Alto Adige), Donatella Marchetti (Emilia Romagna), Marco Sarchiapone (Abruzzo), Marco Micacchi (Lazio), Massimo Romagnolo (Sicilia) e Francesco Stina' (Calabria), insieme al gruppo veneto: una comunità militante, quella di Riva Destra, composta di donne e di uomini che credono ancora nella militanza come impegno sociale. Giorgia Meloni sa che su di noi può contare a occhi chiusi e ne e' soddisfatta. Siamo tra gli ultimi romantici della politica: lealtà e onore sono nel nostro DNA. 

www.studiostampa.com

lunedì 29 giugno 2020

ROMA: DA DOMANI AL VIA L'ANNUALE FESTA TRICOLORE RIVA DESTRA: "L'ITALIA CHE VOGLIAMO-PRESIDIO DI LIBERTÀ".

In piazza di Montecitorio 20 ore di dibattiti in diretta streaming e facebook. Conclude Lollobrigida (FDI). Presenti per la Lega Centinaio e Borgonzoni, per Forza Italia Gasparri. Delegazioni anche di Cambiamo con Toti e del Partito Radicale. 
ROMA, 29 giu -"Da domani, 30 giugno, fino al primo luglio, si terrà a Roma in Piazza di Montecitorio, la IV Festa Tricolore di Riva Destra, movimento federato a Fratelli d’Italia. Il nome scelto per questa edizione è Presidio di Libertà-L’Italia che vogliamo’. Nella sala Capranichetta, ci saranno infatti le dirette in streaming sul sito di Radio Radicale e su affari italiani.it e quelle Facebook sulle pagine de ‘La Voce del Patriota’ e de ‘Il Sovranista.info’. 
A margine di un simbolico gazebo in piazza, gestito dai militanti di Riva Destra, una serie di tavole rotonde. Quest’anno a chiudere i lavori, nell'edizione precedente fu Giorgia Meloni, sara’ il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida".
Lo annuncia in una nota il movimento Riva Destra.
"Microfoni aperti quindi dalle 10 di domani, Martedì 30 giugno -continua la nota- con gli interventi di saluto del segretario nazionale Fabio Sabbatani Schiuma, del portavoce Alfio Boschi e del vicesegretario Angelo Bertoglio, cui seguiranno i parlamentari di FdI, Giovanni Donzelli, responsabile nazionale dell’Organizzazione e di Marco Silvestroni, coordinatore della provincia di Roma. Ecco le delegazioni degli altri partiti gia’ confermate: dalla Lega, con l’ex Ministro Gianmarco Centinaio, la senatrice Lucia Borgonzoni e Maurizio Politi, capogruppo in Campidoglio, fino a Forza Italia con i parlamentari Maurizio Gasparri e Benedetta Fiorini, insieme al deputato all’Ars Tommaso Calderone; e ancora, ‘Cambiamo con Toti’ rappresentata dal consigliere regionale del Lazio Adriano Palozzi, responsabile organizzativo nazionale, e del Partito Radicale con Giuseppe Rossodivita e l’on. Rita Bernardini, anche Presidente di Nessuno Tocchi Caino. Non ha ancora confermata la presenza del Sottosegretario al Mef, Alessio Villarosa, del M5S. 
Questa -prosegue la nota- la lista dei parlamentari ed esponenti di Fratelli d’Italia che hanno confermato il loro intervento alle tavole rotonde organizzate dall'economista di Riva Destra, Fabio Verna: Edmondo Cirielli, Andrea De Bertoldi, Luca De Carlo, Paolo Trancassini, Nicola Calandrini, Massimo Ruspandini, Isabella Rauti, Wanda Ferro, Daniela Santanche’, Ylenja Lucaselli, Ella Bucalo, Carolina Varchi, Ciro Maschio, Marco Osnato, Mauro Rotelli, Walter Rizzetto, insieme al coordinatore di Fdi nella Marche Carlo Ciccioli, al capogruppo in Regione Calabria Filippo Pietropaolo, all'Assessore al Turismo in Liguria Gianni Berrino, al responsabile del dipartimento Turismo Gianluca Caramanna, e di quello Economia, Maurizio Leo, e a Marina Augello. Queste le tavole rotonde gia' composte, che ovviamente potranno avere dei cambi di orario in base ai lavori parlamentari in corso.
"'2020: presenti, nonostante tutto' -conclude la nota- aperta dai coordinatori territoriali di Riva Destra. Poi la scottante attualità dei temi economici: 'Buoni patriottici e moneta fiscale' e 'A 50 anni dallo Statuto dei lavoratori: e’ emergenza'. Si parlera’ poi di scuola e di turismo (“2020: vacanze in Italia”), ma anche di giustizia con i 'Diritti delle Vittime' e l’avv. Marco Valerio Verni, zio di Pamela Mastropietro. 
Tavole rotonde anche sul problema movida ('Movida Sicura: cultura, occupazione e divertimento'), con operatori del settore (Club Festival Commission, Silb, Snos) come Guido Cancellieri, definito dalla stampa il Re della movida milanese, Giorgio Tammaro e Giancarlo Bornigia del Piper; e ancora sulla ricostruzione post terremoto ('Terremoti dimenticati') con Alberto Allegrini, albergatore di Norcia e Presidente Confcommercio Valnerina. Non mancheranno poi -aggiunge infine la nota- i temi della sanita’ ('Emergenza Covid19: il modello Veneto' e 'Mens sana in corpore sano') con lo psichiatra Marco Sarchiapone, docente universitario e ideatore della helpline telefonica gratuita di Riva Destra durante la quarantena, e con il sindaco di Peschiera del Garda Orietta Gaiulli. Ovviamente si discutera’ anche del territorio laziale e romano ('Liberare Roma e il Lazio') e Riva Destra, ha predisposto anche un confronto con altre realta’ di area ('2019: obiettivo 10%. 2020: obiettivo 20%'), come per esempio, il Movimento Conservatore Stella d’Italia, il Movimento Italiano Tricolore e altri come Vox Italia, presente con una delegazione. E infine una tavola rotonda sui comuni ('X Enti locali commissariati, casse vuote, zero servizi'), ove interverranno i tanti amministratori sul territorio aderenti al movimento, che cosi’ contribuisce all'allargamento del perimetro elettorale di Fratelli d’Italia". 



Dal 30/06/2020 articoli e dirette su:  










www.studiostampa.com

giovedì 18 giugno 2020

IN PIAZZA ! Il 30 giugno e il 1 luglio ecco la IV FESTA NAZIONALE TRICOLORE di RIVA DESTRA. LOLLOBRIGIDA concludera' il "PRESIDIO DI LIBERTA'-L'ITALIA CHE VOGLIAMO".


30 giugno e 1 luglio: stiamo arrivando! NON POTEVAMO MANCARE quest'anno, ma stavolta abbiamo scelto la piazza e un titolo che ne spiega i motivi. Ora e' ufficiale: la IV FESTA NAZIONALE TRICOLORE di Riva Destra, oggi movimento federato a Fratelli d'Italia, si terra' a Roma, in PIAZZA di MONTECITORIO e si chiamera' "PRESIDIO DI LIBERTA' - L'Italia che vogliamo". 


Non e' stato facile ottenere tutti i permessi e le autorizzazioni per un luogo così sensibile, ma ci siamo riusciti. Si, perche' anche quest'anno volevamo fortemente esserci di nuovo, ma soprattutto rivendicare il DIRITTO alla LIBERTA', un bene troppo prezioso per essere intaccato da questo governo, che nessuno ha votato e che non rappresenta la maggioranza degli italiani. Saremo li' sotto per due giornate dalle 10 alle 20, davanti a uno dei palazzi simbolo delle nostre istituzioni a testimoniare una protesta dura e sdegnata contro chi crede di poter calpestare la democrazia a colpi di decreti presidenziali e a ritmi da 'Grande Fratello'.
Nel contempo pero', daremo vita ad almeno una dozzina di tavole rotonde, sui temi che piu' ci stanno a cuore: dall'economia e dal lavoro innanzitutto, ma anche sulla sicurezza, sulla sanita', sulla giustizia, sui diritti, sugli enti locali, passando per le prossime elezioni regionali, fino alla ricostruzione dai terremoti e anche l'industria dell'intrattenimento. E lo faremo insieme agli interventi di tanti parlamentari di Fratelli d'Italia, con ospiti di altri schieramenti politici e della societa' civile e con le proposte che Riva Destra vuole portare avanti.
Lo scorso anno a luglio l'ospite d'onore fu Giorgia Meloni, poi a settembre festeggiammo i nostri 25 anni di storia all'interno della festa Nazionale di Atreju, grazie e insieme al capogruppo alla Camera di FdI, Francesco Lollobrigida. E a lui quest'anno abbiamo chiesto di venire a concludere la nostra festa. Ove non mancheranno sorprese, perche' Riva Destra e' militanza, destra sociale, numeri, idee e proposte, ma anche sempre piu' eletti, per lo più in liste civiche, che tramite noi, entrano in Fratelli d'Italia. Per dare sempre piu' forza alla nostra grande leader, GIORGIA MELONI.


giovedì 11 giugno 2020

TURISTI PER CASO… IMPRESE PER TERRA !

di Luca Bonanni
TURISTI PER CASO… IMPRESE PER TERRA !
Una potenza di fuoco, per dirla alla maniera spavalda del nostro Winston Churchill, sta per abbattersi sulle imprese ricettive italiane. E non parliamo certo del caldo bruciante di agosto.
Il turismo in Italia vale il 13% del PIL, vanta 4,2 milioni di occupati e ha nel periodo estivo il boom delle richieste. Il lockdown di marzo e aprile ha infierito soprattutto sulle citta d’arte, solitamente prese d’assalto per le vacanze di Pasqua.
Ora che ha preso il via la fase 2, gli aiuti del Governo si dovrebbero concentrare sulle aree di mare e di montagna, ma finora la montagna ha partorito un topolino, anzi, siamo in alto mare…
Di questi e altri argomenti di stretta attualità politica si parlerà i primi di luglio alla IV FESTA NAZIONALE DI RIVA DESTRA: ‘Presidio di libertà’, movimento federato a Fratelli d’Italia, in Piazza Montecitorio con diretta su Radio Radicale.
Con il Decreto Legge 19 maggio 2020 n.34 (molto incautamente detto ‘ Decreto Rilancio ‘), il Governo si decide finalmente, dopo tre mesi di diffusione del virus, a definire le prime agevolazioni per il settore, che, a una lettura benevola, lasciano molti, molti dubbi. Dei 55 milioni di euro a disposizione, sono destinati al turismo appena 3 milioni di euro.
Gli ‘incentivi’ vanno in due direzioni.
Il primo, che più in generale coinvolge tutte le imprese italiane, consiste in un contributo a fondo perduto alle aziende con fatturato di aprile 2020 inferiore ai 2/3 di quello di aprile 2019.
Il contributo è calcolato applicando una percentuale sulla differenza tra il fatturato di aprile 2020 e fatturato di aprile 2019.
E’ riconosciuto un sostegno minimo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche. Il già lieve impatto economico incontra un ulteriore limite, perché per la materiale erogazione della somma occorre presentare un’istanza entro 60 giorni dalla data di avvio della procedura telematica prevista da apposito provvedimento, che sarà emanato chissà quando.
Insomma, quando le società chiuderanno gli ombrelloni e l’autunno incombente, forse vedranno qualche spiccio…
Il secondo, mirato per il settore turistico, ha un nome accattivante, ‘Tax Credit Vacanze‘.
Spetterà ai nuclei familiari con ISEE (strumento usato per valutare la situazione economica di una famiglia) fino a 40 mila euro, e fino a un importo di 500 euro, per il pagamento dei servizi offerti dalle imprese ricettive, bed and breakfast e agriturismo.
Per i nuclei familiari di due persone l’importo scende a 300 euro, per quelli composti da una sola famiglia precipita a 150 euro.
Può essere usato da un solo componente e nei riguardi di una sola impresa alberghiera, ed è fruibile nella misura dell’80% sotto forma di sconto e il restante 20% come detrazione fiscale.
Insomma , l’80% lo anticipa l’albergatore.. e si tratta in sostanza di una misura assistenziale, volta a coloro che hanno redditi familiari inferiori a 40mila euro, e non già ad un aiuto all’industria.
Solo in un secondo momento lo sconto sarà rimborsato all’albergatore. Ma non si tratta di un vero rimborso: egli potrà solo detrarlo in compensazione con altri tributi.
Tanto per cambiare, le modalità applicative di questo modesto e contorto credito saranno disciplinate dal solito, agognato, successivo provvedimento dell’Agenzia Entrate. 
Dei 98 provvedimenti attuativi individuati dal ‘ Decreto Rilancio ‘, ben 14 sono infatti collegati al comparto Turismo e Cultura.
Inoltre, l’emergenza Coronavirus ha ribaltato la struttura dell’imposta di soggiorno.
Fino a ieri il rapporto tributario intercorreva tra il Comune (come soggetto attivo) e colui che alloggia nella struttura (soggetto passivo), mentre il gestore, l’albergatore, assumeva solo la veste di agente contabile, ossia di soggetto tenuto a trasferire le somme incassate all'ente impositore.
Le nuove norme ribaltano il quadro e dispongono ‘che il gestore è direttamente responsabile del pagamento, con diritto di rivalsa sui soggetti passivi‘.
Infine, ci saranno differenze tra albergatori proprietari delle mura e coloro che invece le hanno in affitto. Se gestore dell’hotel è proprietario la cancellazione della prima rata semestrale dell’IMU è certamente un aiuto. Per chi invece non ha le mura, sono guai. È vero che tutti potranno avere una detrazione del 60 per cento sui canoni per i tre mesi di lockdown, ma far quadrare i conti sarà difficilissimo.
E poi il beneficio IMU si applica nel rispetto dei limiti economici previsti da una fantomatica Comunicazione della Commissione Europea del 19.03.2020 C (2020) 1863 final "Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19", e successive modifiche…
Merita un Bonus il primo e probabilmente unico contribuente che la leggerà interamente.
Dall'introduzione della fatturazione elettronica al Codice della Crisi d’Impresa, con cui si è abolita di fatto la responsabilità limitata degli imprenditori, alla preclusione per gli stessi all'utilizzo dei crediti fiscali sopra i 5.000 euro anche se spettanti, si assiste oramai a un proliferare di norme studiate per affossare le libertà individuali delle aziende, al fine di farle desistere e affermare un’economia statale pianificata, cara ai partiti di maggioranza dell’attuale Governo.
Come non riferire anche del D. Lgs. n. 231 dell’8.6.2001, che disciplina la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche e introduce nel nostro ordinamento uno specifico e esteso sistema sanzionatorio nei confronti degli enti, conseguente alla responsabilità penali delle persone fisiche.
Se poi un’impresa, nonostante la scarsa considerazione ricevuta dalla politica, volesse audacemente riavviare l’attività, creata e consolidata con tante fatiche, ebbene si dovrà scontrare con nuovi ostacoli, conseguenti all'emergenza Coronavirus.
E nuovi rischi.
Non basta la multa da 400 a 3.000 euro e il rischio di chiusura attività da 5 a 30 giorni… se un lavoratore si ammala di Covid-19 il datore di lavoro può essere chiamato a rispondere anche per omicidio, con la reclusione da 2 a 7 anni. E non solo il datore negligente, ma anche quello virtuoso, che abbia puntualmente posto in essere tutte le misure dettate nei protocolli di sicurezza del 14 marzo e del 24 aprile 2020.
Ad attenuare la portata distruttiva della norma, è intervenuta una Circolare dell’INAIL del 20 maggio, che precisa come il riconoscimento dell'origine professionale del contagio si fondi su un giudizio di ragionevole probabilità ma è totalmente avulso da ogni valutazione in ordine alla imputabilità di eventuali comportamenti omissivi in capo al datore di lavoro che possano essere stati causa del contagio.
E’ noto, tuttavia, che il profilo interpretativo di una Circolare possa essere ragionevolmente azzerato da un Giudice, che farà prevalere la norma primaria, con buona pace dell’imprenditore.
L’investimento complessivo nel Decreto appare quindi assai poco incisivo, a meno di emendamenti e correzioni migliorative in sede di conversione.
Dimenticavo... è istituito anche un Fondo per il Turismo con una dotazione di 50 milioni di Euro. Inferiore a quello per il Bonus bici e monopattino, 120 milioni di Euro.
Non dimentichiamo, inoltre, le affermazioni del Presidente dell’INPS Tridico.
Gli imprenditori sono pigri e opportunisti, quando proprio loro hanno anticipato ai propri dipendenti la cassa integrazione, nonostante le difficoltà di accesso al credito. Proprio loro stanno riaprendo operosi ristoranti e stabilimenti balneari, persi nella giungla delle nuove oppressive regole.
E così, con questi chiari di luna, uno stuolo di investitori cinesi già gongola festante alla porta delle nostre imprese turistiche, pronto a saccheggiare il martoriato settore.
Appuntamento quindi i primi di luglio alla 
FESTA NAZIONALE DI RIVA DESTRA.
Per parlare di turisti per caso, imprese per terra, e cinesi alla cassa.

www.studiostampa.com

venerdì 12 luglio 2019

Carlo Russo 37 anni, è il nuovo coordinatore cittadino di Riva Destra a Castelvetrano (TP).

Carlo Russo con Angelo Tigri
La nomina, d’intesa con il Coordinatore Regionale Massimo Romagnolo, è stata proposta dal vice coordinatore regionale con delega per la Sicilia occidentale e coordinatore cittadino uscente Angelo Tigri e approvata all'unanimità durante la Terza Festa Tricolore di Riva Destra “Fratelli di un'altra Europa” tenutasi Venerdì 5 luglio scorso a Roma alla presenza del segretario nazionale di Riva Destra Fabio Sabbatani Schiuma, del portavoce nazionale Alfio Bosco, del vice segretario nazionale Angelo Bertoglio e del Presidente Nazionale di Fratelli d’Italia, l’On. Giorgia Meloni.

Lo comunica in una nota l'ufficio stampa di Riva Destra, movimento federato con Fratelli d'Italia. 
"Dopo la nomina dello scorso maggio di Angelo Tigri a vice Coordinatore Regionale con delega per la Sicilia occidentale, lo stesso ha ritenuto opportuno, nell’ottica di proseguire il consolidamento strutturale dell’organizzazione territoriale del movimento nella regione e nelle province di competenza, di lasciare il coordinamento cittadino di Castelvetrano e di proporre la nomina del Sig. Carlo Russo.
Il Sig, Russo già da tempo vicino al movimento Riva Destra ha sempre mostrato doti di equilibrio, impegno e militanza e condivide in pieno la strada giusta e la rotta tracciata nel sostenere il partito Fratelli d’Italia e l’On. Giorgia Meloni e siamo certi che rappresenterà un importante ulteriore tassello nella crescita del movimento, in continuità con l’ottimo lavoro svolto fino a questo momento dal Sig. Tigri"

“Ringrazio anzitutto Angelo Tigri per la fiducia accordatami - dichiara Carlo Russo - e tutti i componenti dell’Esecutivo Nazionale di Riva Destra. Assumere la carica di coordinatore cittadino di un movimento così forte e radicato su tutto il territorio nazionale, è per me un enorme privilegio e frutto di una lunga militanza. Il mio impegno sarà quello di continuare l’ottimo lavoro svolto sino ad oggi, portando sempre alti i valori della destra sociale e affermando sempre di più la nostra presenza in questo territorio per il bene del movimento e della collettività castelvetranese”.

Nella foto: 
a sinistra Carlo Russo nuovo coordinatore cittadino Riva Destra Castelvetrano, a destra Angelo Tigri vice Coordinatore Regionale Riva Destra.

www.studiostampa.com

lunedì 1 luglio 2019

Alla terza festa tricolore di Riva Destra Giorgia Meloni rilancia il progetto politico plurale di Fratelli d'Italia.

Sabato 5 luglio presso la sala convegni del Conference Center da Feltre sito in via Benedetto Musolino, a Roma si svolgerà la terza festa tricolore del movimento politico Riva Destra guidato da Fabio Sabbatani Schiuma, federato con i Conservatori e Sovranisti di Fratelli d'Italia. 


Una festa tricolore simpaticamente ribattezzata Fratelli di un'altra Europa che diventa occasione importante per rilanciare il progetto politico del movimento politico guidato da Giorgia Meloni in vista dei prossimi impegni elettorali, elezioni politiche eventualmente comprese.
Le conclusioni di questo importante evento politico saranno affidate a Fabio Sabbatani Schiuma, segretario nazionale di Riva Destra e Giorgia Meloni, leader indiscussa di Fratelli d'Italia.

PROGRAMMA
Ore 10: ACCREDITAMENTO DELEGATI
Ore 10.30, SALA 2: RIUNIONE del COMITATO ROMANO per ratifica n. 15 nuovi componenti.
Ore 11.30, SALA 2: RIUNIONE DIREZIONE NAZIONALE per ratifica nuovi coordinamenti in Friuli Venezia Giulia, a Udine, Gorizia, Padova, Bologna-Imola, Parma, Fermo, Ancona, Rimini, Imperia, Genova, Verona, Cesena-Forlì, Reggio Emilia, Ferrara, Ravenna, Milano.
Ore 12.30, SALA RIUNIONI: CONFERENZA STAMPA
Ore 13: PAUSA PRANZO
Ore 14.30, SALA 1, interventi di saluto:
Lorenzo LOIACONO, Coordinatore Romano di Riva Destra, Gianluca CARAMANNA, Consigliere FDI Municipio I, Chiara COLOSIMO, Consigliere FDI Regione Lazio, Massimo MILANI, Portavoce romano di Fratelli d'Italia.
Ore 15, SALA 1: TAVOLA ROTONDA, "Riconquistare il Campidoglio e la Pisana: i contributi di Riva Destra". Flash su:
- "Turismo a Roma: manca un assessorato", Giancarlo BERTOLLINI, Dir. naz. Riva Destra
- "Un nuovo modello per Roma Capitale",  Prof. Fabio VERNA
 "Emergenza abitativa e housing sociale", Fabiana FARI, Federcasa
- "Roma capitale del verde...abbandonato: sponsor privati per ville e parchi. I rifiuti come risorsa", Diamante GUERRA, Vicecoordinatore romano Riva Destra
- "Politiche della notte: dal litorale di Ostia fino a Roma, non solo movida. Una Capitale come Parigi e Madrid", Cristiano SPADOLA, Vicecoordinatore romano Vicario Riva Destra
Presiede: Fabio SABBATANI SCHIUMA, Segretario Nazionale Riva Destra
Concludono:
Rachele MUSSOLINI, Consigliere comunale Roma Lista Meloni
Giancarlo RIGHINI, Consigliere FDI Regione Lazio
Ore 16.00, SALA 1: TAVOLA ROTONDA, "Obiettivo 10%: il sostegno a Fdi dei movimenti federati".
Interventi di:
- Andrea MARRONE (Movimento Conservatore Stella d'Italia), Pasquale BUFFARDI (Realta' Popolare), Pierluigi ANGELUCCI (Lista Con Giorgia), Fabrizio PIGNALBERI (Piu' Italia), Piero PUSCHIAVO (Progetto Nazionale), Gianluca COCCO (M.S.S. Fed. Shardana), Paolo SABBIONI (Popolo Partite Iva), Sergio MARCHI (La Destra), Federico ROCC (Patria e Libertà), Giorgio CIARDI (Mov. per la Sovranità), Luciano CIOCCHETTI (Direzione Italia)
Presiede: Francesco DE NOIA, Coordinatore Riva Destra Puglia.
Conclude Giovanni DONZELLI, Deputato e Responsabile Nazionale Organizzazione FdI
Ore 17.00, SALA 1: TAVOLA ROTONDA, "Fratelli di un'altra Europa"
Interventi di Roberta ANGELILLI (Cuori Italiani), Alfredo ANTONIOZZI, Arianna ALESSANDRINI (FDI), Enzo RIVELLINI (Napoli Capitale), Fabrizio GHERA (Capogruppo FDI Regione Lazio)
Presiede: Francesco STINA', Coordinatore Riva Destra Calabria
Conclude: Nicola PROCACCINI, Europarlamentare FDI
Ore 18, SALA CONVEGNI: INTERVENTI FINALI
Angelo BERTOGLIO, Vicesegretario Nazionale Riva Destra
Alfio BOSCO, Portavoce Nazionale Riva Destra
Galeazzo BIGNAMI, Deputato FI
Carolina VARCHI, Deputato FDI
Paolo TRANCASSINI, Deputato e Coordinatore regionale del Lazio FDI
Marco SILVESTRONI, Deputato e coordinatore Provincia di Roma FDI
Fabio SABBATANI SCHIUMA, Segretario Nazionale Riva Destra
Conclude: 
GIORGIA MELONI, Presidente Nazionale Fratelli d'Italia

- SEGUIRÀ CENA COMUNITARIA

Fonte QUI !

www.studiostampa.com