Visualizzazione post con etichetta Equitalia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Equitalia. Mostra tutti i post

lunedì 24 agosto 2015

ROMA - SANTORI: OLTRE 500 IN CODA PER EQUITALIA.

Cittadini in fila a via Petroselli. E' una tortura in pieno agosto.
"Ho ricevuto delle segnalazioni riguardanti centinaia di persone, forse oltre 500, che sarebbero state ammassate in piedi presso gli uffici dell'anagrafe in via Petroselli, costrette ad attendere il loro turno allo sportello in condizioni proibitive. Sarebbero contribuenti e debitori di Equitalia dirottati negli uffici del comune. 
E' intollerabile che un cittadino sia costretto in pieno agosto a subire queste torture a causa dei soliti disservizi del comune e di Equitalia. La situazione deve tornare subito alla normalità, altrimenti presenterò una diffida agli organi competenti. Come al solito il sindaco Marino dimostra incompetenza e superficialità nella gestione dei servizi ai cittadini, che continuano a rimanere i contribuenti più tartassati d'Italia". Lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e Presidente Onorario di Riva Destra.

Roma 24 agosto 2015

www.studiostampa.com

venerdì 24 maggio 2013

ROMA: Alemanno, via Equitalia !

DAL 1 LUGLIO EQUITALIA NON SARA' PIÙ A ROMA. ABBIAMO LIBERATO LA CAPITALE! D'ora in poi adotteremo CRITERI DI FLESSIBILITÀ, DI EQUITÀ E DI RISPETTO PER LE PERSONE CHE NON POSSONO PAGARE. Non vogliamo più avere famiglie sul lastrico e imprese che chiudono licenziando i dipendenti.


giovedì 26 luglio 2012

ITALIA EQUA (non Equitalia)

 
Pagare le imposte? È un dovere. Ma uno Stato responsabile non può stroncare la vita dei suoi cittadini in un momento di recessione. Una buona amministrazione deve interpretare in prima persona le necessità del territorio non demandare a terzi. La ragionieristica non può prevalere sull’economia e sul risparmio: chiudiamo Equitalia.
La prima casa è un diritto del cittadino nonché un dovere dello Stato garantirlo. Per questo reputiamo l’Imu sulla prima abitazione un’imposta iniqua, perché va a incidere negativamente sulla stabilità. Nella tua casa ci sono i sacrifici della tua famiglia. 
Da protestati a protestanti. Vogliamo un’amnistia per tutti coloro che iscritti nelle liste di cattivi pagatori (ma a volte creditori dello Stato) non riescono ad accedere al sistema creditizio. Per rilanciare l’economia, per un nuovo patto di sviluppo nazionale. 
(di Aldo Atti). 

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA