venerdì 24 aprile 2020

25 aprile, Riva Destra: deroga Anpi anche per funerali e riunioni a difesa del lavoro.

La deroga all'articolo 18 del Testo unico delle leggi di Pubblica Sicurezza concessa all'Anpi, perché di deroga appunto si tratta, vale anche per cittadini, aziende, pmi, strozzati dal lockdonwn economico, che vede a rischio milioni di posti lavoro. Quale sara' infatti, da domani la risposta delle questure a tutti coloro che chiederanno di manifestare, seppure aderenti alle prescrizioni richiamate dal covid 19, per sollecitare interventi più concreti da parte del governo? Oppure per chiedere di celebrare una cerimonia funebre e dare così una degna sepoltura ai propri cari deceduti? Il TULPS infatti non fa distinzioni tra riunioni di giubilo o di dissenso e a questo punto le ragioni di sanità pubblica che ne prescrivono l'impedimento sono di fatto decadute. Ne siamo felici e ci prepariamo a scendere in piazza anche noi nei prossimi giorni". 
Lo dichiarano in una nota Fabio Sabbatani Schiuma e Angelo Bertoglio, rispettivamente segretario nazionale e vice segretario di Riva Destra, movimento federato a Fratelli d'Italia. "Vogliamo sottolineare -conclude la nota- che non c'interessa la polemica sul 25 aprile, una festa che 'non è inclusiva e nazionale, ma che è sempre stata la festa delle bandiere rosse e del fossato d’odio tra due italie', prendendo in prestito le parole di Marcello Veneziani. Intonassero 'Bella ciao' e 'Bandiera rossa', se hanno voglia pure di cantare in questo periodo..."

www.studiostampa.com