lunedì 2 dicembre 2019

Prof. Marco Sarchiapone è il nuovo coordinatore della Regione Abruzzo per Riva Destra.

M. Micacchi - M. Sarchiapone - F. Schiuma
Professore possiamo chiederle una breve biografia su chi è Marco Sarchiapone ?
sono un medico psichiatra e professore di psichiatria presso l’Università del Molise; sono nato a Pescara nel 1960 e risiedo a Guardiagrele (CH); sono sposato e abbiamo due figli. Dopo la laurea e la specializzazione in psichiatria, conseguite presso l’Università "G. d’Annunzio" di Chieti, ho lavorato per 15 anni a Roma come ricercatore medico presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore nell’ospedale Gemelli dopodiché, nel 2005, sono stato chiamato dall'Ateneo dove tutt’ora lavoro. 
Oltre all'attività clinica e didattica mi occupo anche di ricerca; in particolare, da più di 30 anni, i miei studi sono prevalentemente concentrati sui comportamenti violenti auto ed etero diretti, incluse le patologie a essi sottostanti, affrontandole sia dal punto di vista biologico che psicologico e sociale. Nel tempo ho partecipato a numerosi progetti europei conseguendo risultati che hanno prodotto oltre 100 pubblicazioni su riviste internazionali, inclusa The Lancet e mi hanno consentito di far parte del board di varie società scientifiche e di diventare consulente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dell'ONU - Unicef. Ed è su incarico di UNICEF Kazakistan che  dal 2012mi occupo  di redigere e sviluppare programmi per la prevenzione del suicidio in varie parti del Kazakhstan, i cui risultati sono stati recentemente citati nella “ Lettera aperta ai bambini di tutto il  mondo” di M.me Henrietta Fore, UNICEF Executive Director ( https://www.unicef.org/child-rights-convention/open-letter-to-worlds-children#mental-health).
L'Organizzazione Mondiale della Sanità mi ha affidato, tra gli altri incarichi, il compito di redigere le linee guida per la prevenzione delle condotte suicidarie negli Istituti di Pena

Mi sembra di capire che le condotte autolesive, e tra tutte il suicidio, è l’argomento di ricerca che più di altri la caratterizza:
Sì! sebbene il suicidio sia considerato un “evento raro” paragonato ad altre patologie,  ogni anno, nel mondo muoiono circa 800.000 persone, secondo stime approssimative, ciò significa che ogni 40 secondi una persona muore per suicidio; se poi consideriamo che per ogni suicidio si contano almeno dai 10 ai 20 tentativi suicidio ecco che il fenomeno non è più così raro. Il 98% delle persone che si sono tolte la vita soffriva di un Disturbo Psichiatrico, spesso non bene diagnosticato e, soprattutto, non trattato adeguatamente; più del 50% di coloro che si sono tolti la vita si era recato presso un medico nel mese precedente.
Questa precisazione per dire che, pur restando a oggi il suicidio un gesto assolutamente imprevedibile, è comunque assolutamente possibile evitarlo, certo non nel 100% dei casi.

Come?
Beh, ci sono tanti e vari modi e strumenti di trattamento e di prevenzione ma parlare di tutti in questa sede non mi sembra appropriato. A ogni modo, quanto alla prevenzione è auspicabile che si riesca a istituire al più presto un Piano Nazionale,  che si ispiri alla multidisciplinarietà, coinvolgendo professionisti del campo medico , psicologico e sociale e soprattutto, che  venga poi adottato. A questo riguardo, vorrei sottolineare che esiste già una  task force di colleghi europei con i quali lavoro alla stesura di un Piano per la Prevenzione delle Condotte Suicidarie da raccomandare a tutte le nazioni della Comunità Europea.

Un Piano Nazionale deve prevedere che il personale sia specificamente formato e preparato?
oggi, sull’onda della continua emergenza, nei confronti della quale mi astengo dal fare commenti, si assiste all’imperversare della improvvisazione ricorrendo a professionisti o volontari che hanno un altissimo valore morale senso civico e professionalità, rinunciando però al contributo di altri professionisti, altrettanto validi dal punto di vista morale e civico ma con una professionalità decisamente più specifica ed efficace. Naturalmente tale Piano dovrà essere articolato e dovrà prevedere delle differenze a seconda della popolazione cui è diretto. 
Per esempio, nella popolazione generale esistono "gruppi" che possiamo considerare "a rischio": forze dell’ordine, detenuti, persone portatrici di particolari malattie croniche e ultimamente sempre più adolescenti. E proprio sugli adolescenti desidero soffermarmi un po' più poiché per loro, il suicidio è la seconda causa di morte (!) in alcuni paesi anche la prima; il rischio è davvero particolarmente alto. Sinteticamente, in ogni classe di 20-25 studenti degli istituti superiori almeno 4 di loro hanno ideazione suicidaria e almeno 1 ha tentato il suicidio o sta seriamente pensando di farlo! 
Oggi si assiste a un proliferare di eventi, interventi, programmi su violenza, bullismo, suicidio etc. tra gli adolescenti ma nessuno di questi ricade all'interno di una seria e coordinata programmazione  unica, possibilmente nazionale o almeno regionale, che a partire dalle scuole (sede elettiva per questa come per altre iniziative) porti a qualche risultato davvero efficace, significativo e duraturo sulla salute mentale di coloro che presto diverranno dei veri e propri cittadini adulti. Ne abbiamo la possibilità, tra l’altro con costi davvero irrisori, senza considerare l'immediato risparmio di costi sociali e sanitari e per il futuro.

Perché ha aderito a Riva Destra?
Perché è un Movimento che mi convince. Credo che la politica non sia una professione ma un servizio al quale ogni cittadino può contribuire e difatti, volente o nolente, vi contribuisce in ogni caso con la sua vita quotidiana. Non ho assolutamente nessuna competenza o propensione da spendere all'interno di un partito politico, mentre credo di averne per aderire alle iniziative di un Movimento che richiede competenze e propensione qualitativamente diverse da quelle di un partito politico con il quale condivide una stessa idea di fare politica attiva. 
Conosco Marco Micacchi da qualche anno e spesso mi è capitato di sentirlo parlare a proposito delle attività di Riva Destra. Vedendomi attento ai suoi discorsi, un giorno mi ha chiesto se desideravo saperne qualcosa di più e mi ha proposto un incontro anche con Fabio Sabbatani Schiuma. Di lì a poco sono venuti a farmi visita a casa mia in Abruzzo; gli argomenti di cui abbiamo parlato, l’autentica passione indissolubilmente legata a un alto senso civico e morale, la luce ancora ricca di entusiasmo e determinazione dei loro sguardi, la coerenza dei loro pensieri e idee sovente portati avanti fino al loro compimento fattuale (senza tralasciarli o cambiarli strada facendo), le competenze reali da loro possedute e la semplicità di approccio tipica della gente comune, mi hanno subito convinto. Ed è così che, esponendo il mio pensiero, descrivendo le mie competenze e quantificando la mia disponibilità, ho chiesto loro se ritenevano possibile e utile un mio contributo formale. Subitamente mi hanno proposto il ruolo di Coordinatore regionale per l’Abruzzo e ho accettato. 
Lo scorso 20 novembre ho partecipato alla prima delle riunioni del Mercoledì di Riva Destra e ho incontrato moltissime persone appartenenti a tante e diverse categorie del mondo del lavoro; in tutte ho rivisto le caratteristiche che avevo colto in Marco e Fabio e il mio convincimento si è rafforzato e consolidato. Ricordo anche di aver pensato: “ma allora esiste ancora un’Italia e un popolo italiano tanto agognato da Cavour che non è quello che gli imbonitori di piazza e mediatici si ostinano a  mostrarci e al quale negano ogni diritto di reale rappresentatività?”.

Un’ultima domanda: qual è secondo lei il punto più qualificante di Riva Destra per il quale una  persona potrebbe decidere di condividerne le iniziative e contribuire alla loro realizzazione?
Per quel che penso, ma naturalmente si tratta di una opinione del tutto personale sebbene ponderata, non c’è un solo punto ma ci sono tutti quelli che ho descritto prima e sicuramente anche altri che non ancora conosco. 
Credo però, e anche qui esprimo un mio personale convincimento, la coerenza sia la caratteristica più importante: un essere umano può definirsi tanto più tale quanto più riesce ad essere coerente con quanto dice, afferma o promette. E questo è letteralmente palpabile tra gli aderenti a Riva Destra.

www.studiostampa.com