venerdì 2 febbraio 2018

IL RITRATTO - VINCENZO CARAVONA, NUOVO RESPONSABILE ENTI LOCALI RIVA DESTRA CALABRIA.

Vincenzo Caravona, 50 anni, Perito Agrario, coniugato, una figlia di 13 anni, così si presenta in Riva Destra.
"Sin da bambino respiravo un'aria missina a casa, mio padre era una fervido seguace di Almirante, poi da ragazzo cominciai a frequentare le sezioni missine cosentine. Quando nel 1995 si arrivo' alla svolta di Fiuggi, con relativo cambiamento di nome da MSI ad AN, restammo praticamente quasi orfani di un movimento che aveva forgiato la nostra tempra. Capimmo con il tempo che AN non era il MSI, lo capimmo di più quando ogni traccia di destra sociale fu annientata con l'ingresso nel PDL...un nodo alla gola ci soffocò !!! Personalmente da Fiuggi in poi preferii non avere più tessere di partito e seguire con occhio critico tutti quei satelliti che nacquero dal 1995, satelliti che spesso non riuscivano neanche a presentarsi alle elezioni e contavano come un due di coppe nel gioco della briscola. Personalmente tornai a fare politica come commissario territoriale di Marano Marchesato (CS) in un movimento d'area localistico regionale, Alleanza Calabrese; molte furono le battaglie sociali all'interno dei nostri territori d'appartenenza e portammo a nudo sperperi e quant'altro andasse a ledere il diritto del cittadino. Terminata la mia esperienza con AC, aderii alla Fiamma Tricolore, un periodo anche qui di proficue lotte e contestazioni, rivestendo il ruolo oltre che di coordinatore cittadino, anche quello di Provinciale di Cosenza Nel passato novembre ho deposto le armi, capendo che nei partiti delle tessere a governare erano sempre i soliti colonnelli e qualche egocentrico riciclato da chissà dove, con galloni di tenente maggiore. Naturalmente non posso che ringraziare chi ha avuto fiducia nel sottoscritto, ma ora e' giusto spiegare il perché di questa mia adesione a Riva Destra nel 2018. Come già ampiamente riferito, la politica corre veloce e se non la insegui rischi di restare ancorato a vecchie discussioni che allo stato attuale diventano anacronistiche, oggi parliamo d'altro e gli argomenti sono tanti, ma in molti si fossilizzano solo ed esclusivamente sull'immigrazione incontrollata, che resta senza ombra di dubbio un problema abnorme, il dominio dell'Euro sui paesi sudditi, la mala politica che ha partorito il Rosatellum, la legge Fornero ecc. Ecco i mali di vivere della nostra Italia! Ho scelto la stretta di mano di Riva Destra, cosi' come recita lo statuto perche' ho affinato le mie posizioni che sono e restano quelle di destra sociale, ma con una visione moderna e non anacronistica. In questo percorso mi hanno seguito un buon numero di compagni di comune cammino, e ciò non può che farmi enormemente piacere, anche perché con un buon lavoro capillare ed organizzativo il nostro movimento nella provincia cosentina non può che crescere. Il ringraziamento va al Segretario nazionale Fabio Schiuma ed al Segretario Regionale Francesco Stinà, che mi hanno concesso questa opportunità, altrimenti e con molta probabilità avrei smesso i panni d'attivista e indossato quelli di benpensante, ma ce ne sono già troppi in circolazione !"

www.studiostampa.com