venerdì 30 giugno 2017

Centrodestra: Parla Fabio Sabbatani Schiuma (Noi con Salvini).

"Abbiamo stravinto, ma ora arriva il difficile".

Di Giuseppe Vatinno
Fabio Sabbatani Schiuma
D: Il centrodestra unito è vincente?

R: Centrodestra? A me piacerebbe parlare di un grande blocco sociale e nazionale, contrapposto al PD, una santa alleanza tra patrioti e identitari contro mondialisti e marionette.  Comunque è evidente che una coalizione così abbia stravinto.Ora però arriverà il difficile.

Così esordisce nella sua analisi del voto ad affaritaliani.it il consigliere 'salviniano' Fabio Sabbatani Schiuma, esponente storico della destra sociale romana molto attivo sul territorio.

D: Perché arriva il difficile?

R: Proprio perché bisogna capire che il centrodestra così come lo abbiamo inteso per 20 anni non esiste più. Vanno registrati i nuovi rapporti di forza tra Forza Italia e la Lega di Salvini, concordate leadership, programma e alleanze. E per il tutto non potrà più bastare una cena in quel di Arcore. Le pare poco?

D: Non a caso già il giorno dopo Salvini e Brunetta se ne sono dette quattro...

R: Ma io sono molto fiducioso, la verve giovanile e il coraggio di Salvini e anche della Meloni, insieme appunto ai numeri emersi dalle urne, stanno facendo capire a Berlusconi che un nuovo patto del Nazareno non è più riproponibile e che non esistono solo i moderati e i liberali, tutt'altro....

D: Lega Nazionale come nuovo partito di destra e Salvini candidato Premier?

R: Non chieda a me queste cose, io sono un semplice militante. Certo che mi piacerebbe una Lega dei Popoli, senza che nessuno rinneghi nulla, chi lo ha fatto in politica è sempre finito poi male. Ribadisco che non credo sia la cosa giusta chiedere a Salvini di fare un nuovo partito di destra: relegandolo poi a destra, da dove neanche peraltro proviene, lo si etichetterebbe e limiterebbe. Io sogno un grande blocco sociale, all'interno del quale tante anime potrebbero ritrovarsi, compresi coloro che provengono da un’esperienza di destra, ma non solo.

D: Quindi un'alleanza con il M5S è possibile? 

R: Anche qui le posso dire la mia personale opinione: è possibile un'alleanza con chi cambia idea in continuazione, vedi ad esempio sui nomadi, ma anche Europa ed euro? No, per ora però devi fare i conti con una forza politica nata sugli errori degli altri, non compiere appunto di nuovo questi errori e riportare a casa tanti elettori che hanno scelto Grillo per rabbia. 

D: Concludiamo sul dato elettorale di Noi con Salvini nel centro - sud, poche liste presentate però e qualche figuraccia come a Palermo?

R: Non entro nella questione, registro solo che dove Salvini va si sono avuti spesso ottimi successi. In autunno però si voterà in Sicilia, test fondamentale per le politiche e bisognerà avere molta attenzione. Va costruito un progetto credibile. Spero sempre in una federazione aperta a tutti coloro che sottoscrivono un programma e una leadership. Poi chi è più bravo va avanti.

www.studiostampa.com