mercoledì 31 maggio 2017

Quando l'Italia era la quarta potenza mondiale !

Il sorpasso del 1987

Quando il PIL italiano aumentò del 18% grazie a quello che venne definito dal The Economist un «gioco di prestigio statistico», l'Italia superò per Prodotto Interno Lordo la Gran Bretagna divenendo la quinta nazione più ricca del mondo, dopo gli Stati Uniti, il Giappone, la Germania e la Francia. Tuttavia il cosiddetto «sorpasso» venne presto annullato dall'immediata risalita del reddito pro-capite britannico e soprattutto da una sterlina forte.

Il sorpasso del 1991: 

Italia quarta potenza

Il 15 maggio 1991 il ministro degli Esteri Gianni De Michelis rese noto che, secondo il rapporto messo a punto dalla società Business International (società del gruppo dell'Economist, fra i più autorevoli periodici finanziari ed economici del mondo) e inviato da De Michelis anche al presidente del Consiglio Giulio Andreottil'Italia era diventata la quarta potenza industriale del mondo, davanti alla Francia e alla Gran Bretagna. Secondo questo rapporto del Business International, nel'90 l'Italia era diventata la quarta nazione più industrializzata del mondo dopo Stati Uniti, Giappone e Germania. Il PIL a prezzi correnti del Bel Paese (il prodotto interno lordo, cioè la somma dei beni e servizi finali prodotti sul territorio), infatti, era arrivato a 1.268 miliardi di dollari, contro i 1.209 della Francia e i 1.087 della Gran Bretagna. La stima venne poi corretta al ribasso per via del forte disavanzo dei conti pubblici italiani, e il PIL italiano subì un contro-sorpasso da parte sia della Francia e sia del Regno Unito durante gli anni novanta, durante i quali vi fu una stagnazione dell'economia italiana che crebbe in media solo dell'1,23% annuo contro la media europea del 2,28%.

www.studiostampa.com

ITALIA: Situazione Debito Commentata !

Situazione Debito - Italia-Europa !

ITALIA: Situazione Debito Commentata !

Governo, sempre Forte con i Deboli e sempre Debole con i Forti ! 
I conti sono destinati a peggiorare sempre fino al nostro fallimento, anche dissanguando completamente il popolo (e lo stanno facendo). Se non siamo TITOLARI della Moneta non possiamo guidare ne inflazione, ne svalutazione. I SOLDI LI STIAMO COMPRANDO DA UN PRIVATO E NON POTREMO MAI PAGARLI PERCHÉ IL FORNITORE APPLICA UN TASSO CHE DOVREMMO PAGARE CON ALTRI SOLDI STAMPATI CON ALTRO TASSO ! Se poi si preferisce far finta di non capire, tentando di dare la colpa sempre all'avversario politico e mai al meccanismo perverso che ha una precisa DATA di inizio e delle chiare FIRME sugli accordi, possiamo solo augurarci di morire presto per abbreviare l'agonia !

Euro, Europa, Unione Europea e Stati Uniti d'Europa !

www.studiostampa.com

Sistema Elettorale !

Attenzione !!! 
Sistema Elettorale: 
come diceva sempre la mia povera mamma "la medaglia con una sola faccia, ancora non l'hanno inventata". Le liste bloccate portano ad eleggere quelli scelti dal Partito ma le preferenze portano ad eleggere quelli che hanno speso di più per farsi conoscere e chi li avrà finanziati li terrà in pugno! 
Prima di schierarsi con ardore, invito tutti a riflettere e coltivare il dubbio, ricordando che le persone sciocche sono piene di certezze mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi ! GRAZIE ! 

                                 Giancarlo Bertollini

lunedì 29 maggio 2017

Gestione, Organizzazione, Risultati.


Qui trovate una traccia su come si dovrebbe procedere. Carissimi per governare e far funzionare il Mondo (zona per zona) serve Organizzare, Formare, Imparare a lavorare in squadra ed infine DELEGARE. L'amore è bello ma non scava pozzi per l'acqua, non crea industrie alimentari e non gestisce la logistica. 
https://youtu.be/XNTDWNArZL0

www.studiostampa.com

CITTADINANZA !

Pensieri sulla "Cittadinanza". Per prima cosa si deve rispettare la volontà dell'individuo, per cui non può essere "automatica" o per nascita ma deve essere accettata o rifiutata a seguito di una richiesta, molte persone sono legate alle loro "Radici" e ci tengono ad avere la cittadinanza del loro Paese d'Origine. 
Se un adulto chiede e diviene cittadino Italiano è normale che i figli, nati in Italia, siano Italiani. Rendere automatica la cittadinanza per chi nasce in Italia, senza almeno un genitore di cittadinanza Italiana, lo ritengo offensivo per loro stessi. 

                                    Giancarlo Bertollini

www.studiostampa.com

UNIONI CIVILI !

ULTIMA  CENA
   1)   Le Unioni Civili sono un segno di rispetto per i conviventi dello stesso sesso che debbono poter avere le tutele legali in fatto di successione e di difesa da altri familiari. 
   2)   Le adozioni da parte di coppie dello stesso sesso sono una distorsione delle Leggi naturali e una Società che si reputa civile non può legalizzarle. 
   3)   Le coppie che hanno uno o più figli naturali debbono poterli aver riconosciuti anche se gli adulti cambiano sesso o preferenze sessuali. 
(per togliere la patria potestà i singoli casi dovranno essere seriamente valutati).

Come da foto Tradimenti e Traditori hanno storia antica ! 
                                                
                         Giancarlo Bertollini 

www.studiostampa.com

Prima gli Italiani !


Mi permetto di aggiungere che, meglio dei Dazi Doganali, si potrebbero obbligare gli importatori a richiedere la Certificazione di Prodotto e, loro stessi importatori, ad avere la Certificazione di Qualità (attualmente la ISO 9001:2015) per ottenere due risultati positivi: 

   1) maggior controllo sulla qualità dei prodotti, 

   2) maggior lavoro per tutti i Certificatori in Italia. 

Le importazioni sarebbero meglio controllate e molti prodotti tornerebbero al mittente, risultando non sdoganabili ! 

                                       Giancarlo Bertollini

www.studiostampa.com

RIVA DESTRA VA AVANTI, COMUNQUE, PER LA SUA STRADA.

In un quadro politico dominato da una desolante e continua incertezza, alimentata da leggi elettorali in eterno cantiere, che vanno definite totalmente, da ‘abominevoli mutazioni genetiche’ e da impietosi decorsi anagrafici di alcuni suoi esponenti, Riva Destra non può dimenticare la sua missione: fare testimonianza dei suoi valori in modo sempre più organizzato e conforme alla sua crescita continua.
Oggi Riva Destra è infatti una realtà che merita attenzione e rispetto e la sostanza è che, stante anche la nostra autonomia regionale e la nostra natura federalista, non reputiamo vincolante ai fini della linea politica nazionale, qualsivoglia rapporto al momento puramente territoriale. 

www.studiostampa.com

mercoledì 24 maggio 2017

VICINI AL POPOLO INGLESE !

Solidarietà al popolo britannico per l'attentato 
di ieri sera a Manchester.
Solidarity to the British people for the attack 
last night in Manchester.
Solidaridad al pueblo británico por el ataque 
de anoche en Manchester.

martedì 16 maggio 2017

Salvini vince le primarie. Parla Sabbatani Schiuma di Noi con Salvini.

Sabbatani Schiuma: "la nuova Lega oltre destra e sinistra".
di Giuseppe Vatinno - Affari Italiani
Parla Fabio Sabbatani Schiuma, esponente storico della destra sociale e oggi uno dei tre consiglieri eletti a Roma in Noi con Salvini.
Un primo pensiero sulla vittoria di Matteo Salvini alle primarie della Lega Nord.
Intanto c’è un dato importante che in pochi hanno sottolineato, l’aver battuto l’”unanimismo” che ha messo in crisi il “finismo” ed anche il ‘berlusconismo’ e sarà uno dei motivi del non lontano ridimensionamento del grillismo. In un partito poi servono anche i pensieri diversi, sono sintomo di vitalità, alimentano il dibattito e dal confronto nascono le sintesi. Salvini è un grande leader che deve ora guidare l’Italia.
E quali sono gli scenari politici della Lega Nord che si aprono ora?
Beh, è una domanda che andrebbe rivolta a Salvini, non a me, che sono poi un semplice consigliere locale di Noi con Salvini. E poi credo sia fondamentale attendere il Congresso Federale della Lega del prossimo 21 maggio. Io posso solo dire che, a mio modesto avviso, ha fatto bene come segretario federale a non arrivare alle elezioni con un mandato in scadenza: così avrà ancor più autorevolezza nel dare le linee politiche, organizzative ed elettorali. Inoltre anche un bambino sa leggere i numeri: Salvini ha preso in mano un partito un po’ malandato, travolto da qualche scandalo, e l’ha portato oggi a misurarsi con Forza Italia, da pari a pari. Non mi sembra poco. Se penso a cosa hanno fatto invece Fini e i suoi colonnelli che la destra l’hanno distrutta…
Ok, ma domani si arriverà allora a una Lega 'nazionale', a un nuovo partito di destra?
Guardi che non credo sia la cosa giusta chiedere a Salvini di fare un nuovo partito di destra: relegandolo poi a destra, da dove neanche peraltro proviene, lo si etichetterebbe e limiterebbe, quando uno dei tanti meriti di Salvini è anche quello di aver messo le prime basi, insieme a Giorgia Meloni, per la nascita di un grande blocco sociale, all’interno del quale tante anime potrebbero ritrovarsi, compresi coloro che provengono da un’esperienza di destra, ma non solo.
Allora possiamo parlare di una Lega Nord che abbandona l’indipendentismo e si scopre nazionale?
Nessuno deve rinnegare nulla, chi lo fa in politica poi finisce sempre male. Si tratta, sempre a mio avviso, di riattualizzare il problema delle autonomie: se la Sicilia, ma anche la Sardegna, il Friuli e la Valle d’Aosta, fino alle province autonome di Trento e Bolzano, hanno uno statuto speciale, perché un cittadino lombardo o veneto non può chiedere altrettanto? Fosse per me lo concederei anche a Roma, che oltre agli onori si sobbarca anche parecchi oneri di essere Capitale. E ancora, va costruito un progetto vero anche per il centro-sud, magari una federazione di soggetti che, riconoscendosi in una comune leadership, sottoscrivano dei punti, per esempio, su Europa, fisco, sicurezza e immigrazione.
Così fosse, il movimento da cui lei proviene, Riva Destra, nato nel 1993 come circolo di Alleanza Nazionale e oggi presente in molte regioni italiane, potrebbe allora confluire?
Premesso che sono nato con Riva Destra ed è la mia famiglia politica da sempre, mi domando, se ancora hanno un senso le parole destra e sinistra (la vera divisione oggi è tra sovranisti e mondialisti semmai), il primo luglio ci sarà l’annuale riunione della Direzione nazionale e i dirigenti di Riva Destra discuteranno serenamente e liberamente. Voglio solo ricordare che quando ho aderito insieme ai miei amici romani a Noi con Salvini per fare ‘l’ala destra’, l’allora commissario regionale del Lazio, il capogruppo leghista al Senato Gian Marco Centinaio, pubblicamente non mi ha chiesto di lasciarla, tutt’altro, volle, attraverso la mia nomina nel coordinamento romano e la mia candidatura, dare un segnale di attenzione a Riva Destra tutta. Purtroppo nel resto d'Italia non è accaduto lo stesso. Io penso di aver ricambiato tale fiducia con lealtà e la correttezza che contraddistinguono Riva Destra, ma anche tramite i numeri con i quali sono stato poi eletto. Vedremo.
Lei è considerato un lepenista, non a caso un anno fa è stato al fianco di Marion Le Pen nella sua trasferta romana dello scorso anno: è una linea che però è stata sconfitta nelle urne francesi e anche in Italia si torna a parlare di centro moderato. E infine la stessa Marion ha annunciato il ritiro dalla politica.
A me non pare che ci sia stata una totale sconfitta, anzi, Marine le Pen è arrivata al ballottaggio, si sono dovuti mettere insieme, come in un gran fritto misto, centrodestra e centrosinistra per sbarrarle la strada all’Eliseo. Marine è l’antisistema, il Front National è il primo partito in Francia e per la prima volta ha anche stabilito alleanze con altri partiti, domani cambierà nome, ma la ricetta è sempre la stessa. Il domani appartiene agli identitari, in Usa, in Russia, in Europa. Su Marion, le posso dire che non credo affatto a un suo ritiro definitivo. Se poi di fronte agli impegni politici ha davvero scelto di fare la mamma “a tempo pieno” ha tutta la mia ammirazione, o meglio, ‘chapeau’.

www.studiostampa.com