Ultimissime

venerdì 4 settembre 2015

"La destra torni nelle fogne": il sindaco Marino indagato per diffamazione.

"Lo comunicano il consigliere regionale Santori e Sabbatani Schiuma, già vicepresidente del consiglio comunale di Roma che presentarono querela. La frase risale al 21 giugno scorso quando il primo cittadino intervenne alla festa dell'Unità“.
Il Sindaco Marino alla Festa dell'Unità - Foto di Repertorio
Ignazio Marino indagato per diffamazione.
"Il sindaco Ignazio Marino è indagato per il reato di diffamazione. Il motivo risale al comizio del 21 giugno scorso, alla Festa dell'Unità di Roma, quando nel corso di un acceso intervento sul governo cittadino, invitò il popolo della destra a "tornare nelle fogne". L'affermazione, fin da subito, raccolse lo sdegno di molti esponenti politici che, in quell'area si identificano, tanto che qualche giorno seguente anche il primo cittadino chiese scusa. Qualcuno però non si limitò alle note politiche. Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e Fabio Sabbatani Schiuma, già vicepresidente del consiglio comunale di Roma, rispettivamente presidente onorario e segretario nazionale del movimento Riva Destra hanno proceduto a querelare Marino. “
Ignazio Marino indagato per diffamazione
"Oggi la notizia diffusa dai due esponenti politici. Il primo cittadino è indagato per diffamazione. "Una lezione per Ignazio Marino e per tutti quelli come lui. Nessuno si può permettere di offendere generazioni su generazioni e di riportare indietro le lancette della storia" commentano in una nota. "Marino continua a fuggire dai problemi di Roma, che non riesce ad affrontare né è in grado di risolvere, riproponendo slogan che nulla hanno a che vedere con le esigenze dei romani e tesi a sviare l’attenzione dalle sue incompetenze, dagli scandali della sua maggioranza e dall'immobilismo della sua Giunta". Conclude la nota: "Resta il fatto che la nostra denuncia e la conseguente indagine, siano un monito e una lezione anche per quelli come lui". “

Fonte: ROMATODAY

www.studiostampa.com