venerdì 26 settembre 2014

COM'È' TRISTE ROMA...La Capitale d'Italia vive oggi una tristissima stagione a causa di un sindaco inadeguato e arrogante.

Purtroppo però Ignazio Marino è stato eletto da una maggioranza. Risicata quanto vogliamo, ma pur sempre maggioranza - magari oggi anche pentita. Le cause? Certamente i tantissimi che non sono andati a votare, ma - a mio avviso - ancor di più, i tanti, troppi, errori di Alemanno. Ebbene, prima che si ricandidasse il buon Gianni, gli unici a fargli notare che non fosse il caso, furono Fabrizio Santori - che si propose in prima persona come alternativa a quelle primarie che mai però furono celebrate - e il sottoscritto. Rientrai infatti in Campidoglio negli ultimi 4 mesi del suo governo della città - grazie al poltronismo di qualcuno. Tanto mi bastò per constatare in prima persona la pochezza di una maggioranza di centrodestra alla guida della città. Maggioranza nella quale, non riconoscendomi, non entrai. Puntai il dito in aula per ricordare ad Alemanno la destra sociale dimenticata (https://www.youtube.com/watch?v=_-4qJ0SINxo), per porre rimedio alle assurdità di continuare a dare soldi ai nomadi, dimenticando i romani senza casa (https://www.youtube.com/watch?v=X29Ubk6wLH4), per chiedere di fare battaglie serie sugli sperperi dell'Atac (https://www.youtube.com/watch?v=m11bGZxVVSU) e presi una posizione chiara sull'inopportunità della sua candidatura). 
Una volta ricandidatosi lo stesso, ho deciso di sostenere comunque Alemanno. La mia testa oggi dice di aver fatto bene, perchè mai Alemanno avrebbe fatto i danni che sta infliggendo Marino a Roma. Il mio cuore dice di no, perchè Alemanno da sindaco mi ha fatto vergognare di essere di destra. O meglio ha umiliato la destra, dopo 20 anni di opposizione di 'Destra Sociale', quella vera, contro Rutelli e Veltroni. 
Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com