giovedì 31 luglio 2014

VOI CHE AVETE SEMPRE LA VERITÀ IN TASCA !

RAZZISTA? XENOFOBO? Ehi, dico a voi, benpensanti di sinistra, voi del politically correct, voi radical chic, voi che avete sempre la verità in tasca e vi sentite moralmente e culturalmente superiori: come vi permettete di chiamarmi xenofobo o razzista perché non la penso come voi? 
- Io che quando vado in vacanza all'estero preferisco sempre andare nelle zone meno turistiche per osservare gli usi e i costumi degli altri popoli, che mi piace assaporare la loro cucina e i loro profumi, che cerco di conoscere le altre civiltà e cerco di apprendere, di imparare, di confrontarmi e che rispetto le loro leggi, i loro usi e costumi, senza mai sentirmi superiore. ma solo orgoglioso di essere italiano. 
- Io che quando a Roma uno straniero mi chiede un'informazione, cerco sempre di aiutarlo e finisco la conversazione con un "you're welcome" ( = 'tu sei il benvenuto') e che ho sempre aiutato chi è in difficoltà senza guardare prima il colore della pelle. 
- Io che mi sento legato alla tradizione e alla storia del mio popolo che so benissimo esser fatta anche di milioni di connazionali emigrati per cercare fortuna e che capisco perfettamente cosa voglia dire andare fuori, sradicarsi dalla propria terra e stare lontano dalle proprie famiglie. 
Come vi permettete di chiamarmi così? Io non ho la fobia di nessuno straniero e credo che tutti siano uguali, gialli, neri o bianchi che possano essere. 
Ma forse è perché caso perché mi sono rotto le scatole di veder la mia nazione invasa da disperati quando già ne abbiamo tanti in casa e non riusciamo ad aiutarli? 
- Perché non ritengo affatto giusto che mentre milioni di famiglie italiane sono sempre più povere, mentre il dramma della disoccupazione e della casa è sempre più grave, mentre le nostre aziende chiudono, il governo debba stanziare i soldi che versiamo noi con le tasse, a favore di associazioni e cooperative che lucrano sulla disperazione delle migliaia di persone che ogni giorno sbarcano sulle nostre coste? 
- Perché non mi sta bene che i nomadi troppo spesso delinquono, non rispettano le nostre leggi, sfruttano i bambini, ma non pagano come accadrebbe a qualsiasi italiano che fa lo stesso? 
- Perché ritengo che gli integralisti islamici non possano esportare da noi i loro usi e costumi, come il burqa, l'infibulazione, la lapidazione e debbano rispettare la nostra religione, con tanto di crocifissi nelle scuole? 
Beh, allora fatevene una ragione, ma oggi i veri razzisti siete voi e lo siete contro altri italiani come voi. 
Io resto sulla Riva Destra e a vergognarvi dovreste essere voi. 

di Fabio Sabbatani Schiuma
www.studiostampa.com