venerdì 28 febbraio 2014

ROMA: SANTORI, CITTÀ ALLO SBANDO CON SINDACO INADEGUATO, NASCE COMITATO 'DIFENDI-AMO ROMA'

(AGENPARL) - "Roma è allo sbando, senza aiuti dal governo rischia il fallimento e il sindaco Marino si sta sempre più rivelando assolutamente inadeguato a guidarla. Facciamo appello a tutti i cittadini di buona volontà e alle forze sociali perchè la Capitale va difesa da quello che è ormai un insulto alla sua storia e alle sue potenzialità". Questa una nota del neo costituito comitato 'DifendiAMO ROMA', "al quale hanno già aderito, oltre che Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, anche, tra gli altri, Daniele Catalano, già candidato al Municipio XI, Riccardo Corsetto, coordinatore nazionale 'Circoli del Borghese', Emiliano Corsi, già consigliere Municipio VI, Francesco Corsi, già consigliere Municipio VII, Marco Giudici, consigliere e presidente della Commissione Trasparenza del XII Municipio, Fabio Sabbatani Schiuma, già consigliere comunale di Roma e segretario nazionale del movimento Riva Destra, Augusto Santori, già consigliere Municipio XI e Stefano Tersigni già candidato Sindaco di Roma con la lista civica 'Roma Capitale è Tua'". "Ogni giorno - continua la nota - ne vediamo una: dalle proteste quotidiane di lavoratori e cittadini esasperati, alle paralisi dovute al maltempo, dal senso di insicurezza nel centro come in periferia, alle mancanze su problemi enormi quali casa e lavoro, dalle aggressioni e gli omicidi, fino all'arresto del Comandante dei Vigili”, prosegue la nota. “Chi ama Roma - conclude la nota - ha il dovere di difenderla e di mobilitarsi affinchè la vecchia politica e un Sindaco isolato dal mondo reale, non lascino morire una delle città più belle del mondo, che chiede solo rispetto, decoro e servizi ai suoi cittadini e pretende di offrire il suo vero nobile volto ai milioni di turisti che la visitano". 

Fabio Sabbatani Schiuma  -  Fabrizio Santori

www.studiostampa.com

Senza di Voi non esisteremmo. Grazie per il Vostro affetto e la Vostra partecipazione. Lo staff di Riva Destra !

QUI - La Nostra Pagina Facebook !
www.studiostampa.com

martedì 25 febbraio 2014

OMICIDIO GIANICOLO, SCHIUMA: ROULOTTE ASSASSINO È SEMPRE AL SUO POSTO

(OMNIROMA) Roma, 25 FEB -
«Benissimo hanno fatto Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e Marco Giudici, consigliere e presidente della Commissione Trasparenza del XII Municipio a presentare anche un esposto alla Procura: a quasi 10 giorni dall'orribile omicidio di Carlo Macro per mano di un indiano, Joseph Vlifford, irregolare sul territorio italiano, con precedenti precedenti per lesioni e infrazioni della legge sull'immigrazione: la roulotte è sempre lì e nulla è cambiato». 
Così, in una nota, Fabio Sabbatani Schiuma. «Nessuno - continua Schiuma - dal Campidoglio si è preoccupato di fare un controllo delle roulotte, di l'applicazione delle sanzioni previste dalla legge, compresa la confisca del mezzo utilizzato per la dimora. 
La comunità di Sant'Egidio - conclude Schiuma - deve ancora spiegare dove sono infatti i permessi necessari per tutte le strutture che ha adibito ad abitazione dei senza fissa dimora abbandonate sul territorio capitolino con il consenso dei municipi». 
red 251241 FEB 14
Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com

AGGIORNAMENTO COORDINAMENTI ATTIVI - RIVA DESTRA

LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK - CLICCATE QUI !
www.studiostampa.com

lunedì 24 febbraio 2014

Governo: altro che Futuro questo è un ritorno alla prima Repubblica !

"Il governo Renzi è sostenuto dal Pentapartito 
(PD, Ncd, Scelta civica, Udc e I tecnici delle Banche) 
e nasce senza elezioni da una manovra di palazzo 
e da un congresso di partito. 
Altro che Futuro questo è un ritorno alla prima Repubblica" 

venerdì 21 febbraio 2014

BORGNA, SCHIUMA: «AVVERSARIO POLITICO CHE RICORDO CON STIMA E AFFETTO»

(OMNIROMA) Roma, 21 FEB - "Vado in Campidoglio per l'addio a Gianni Borgna, un avversario politico a cui ho però sempre riconosciuto grande cultura, profonda umanità, garbo ed educazione. È stato l'assessore alle politiche culturali delle giunte Rutelli e Veltroni: da vicepresidente del gruppo di Alleanza Nazionale prima e da vicepresidente del Consiglio comunale poi, l'ho avversato in tutti i modi: ero fortemente contro quella politica del 'panem et circenses', ma ricordo bene quanto lui non fosse uno show man, bensì ricercasse squisitamente il lato culturale di ogni evento: visione, la sua, completamente opposta alla mia, ma questo non m'impedisce di riconoscergli l'altissimo spessore che lo ha caratterizzato e comunque anche una notevole apertura intellettuale». Lo dichiara in una nota Fabio Sabbatani Schiuma, già consigliere comunale dal 1997 al 2013 e vicepresidente del Consiglio comunale di Roma. «Lo ricordo con stima e anche affetto - continua Schiuma - che comunque caratterizzavano tanto le nostre aspre litigate nella sua stanza o in aula, mai comunque volgari, quanto le squisite dissertazioni sul calcio e sulla nostra Lazio, quando per caso c'incontravamo in qualche caffè del Rione Prati». Non smetterò mai di ringraziarlo - conclude Schiuma - per la strada intestata a Lucio Battisti, una mia iniziativa che senza la sua sponda, avrebbe mai visto la luce a causa della politicizzazione di alcuni suoi compagni di partito. Ma lui tiro dritto, mi aiutò davvero per la deroga e riconobbe pubblicamente la mia paternità dell'iniziativa. 
E per un avversario politico non è poco. Ciao, grande Assessore".
red 211209 FEB 14
IL MOMENTO DELLA STRADA A LUCIO BATTISTI - VIDEO

www.studiostampa.com

martedì 18 febbraio 2014

MARÒ, SANTORI: «SIAMO STUFI DELLA LORO CONTINUA UMILIAZIONE»

(OMNIROMA) Roma, 18 FEB - «L'ennesimo rinvio, il 26esimo, è inaccettabile: i nostri Marò devono tornare in Italia subito e la verità deve essere accertata da un tribunale italiano. Chiediamo l'espulsione immediata dell'ambasciatore indiano dall'Italia fino a quando i Marò non saranno rientrati». Lo comunica in una nota il consigliere regionale del Lazio Fabrizio Santori, presidente onorario del movimento Riva Destra, insieme a Fabio Sabbatani Schiuma e Alfio Bosco, rispettivamente segretario nazionale e portavoce del movimento Riva Destra. «Siamo stufi - dichiarano i tre esponenti di Riva Destra - di questa continua umiliazione ai nostri Marò e all'Italia intera: erano in missione per difendere il mare dai pirati, ma sono sequestrati da due anni senza che neanche vengano formulati i capi d'accusa e sulla loro pelle s'inscena ora in India un macabro balletto elettorale, fatto di rinvii, minacce e smentite. Anche la politica italiana- concludono Santori, Sabbatani Schiuma e Bosco - e i governi succeduti, non sono stati capaci, se non di ordinare un blitz per liberarli, che di sole chiacchiere, Compresa la spedizione dei parlamentari, in viaggio a spese nostre per farsi fotografare senza neanche ottenere un incontro istituzionale. È ora di sospendere ogni rapporto commerciale e diplomatico con l'India». 
red 181030 FEB 14
Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com

lunedì 17 febbraio 2014

RIVA DESTRA, SCHIUMA: IL PUNTO !

E' stata una settimana importante: nel buio totale della politica italiana e nella crisi che imperversa, noi di Riva Destra cerchiamo di fare la nostra parte per una politica più dignitosa e per una destra che va necessariamente rifondata da zero. 
Innanzitutto la riunione di giovedì 13 a Roma: in un clima di entusiasmo e partecipazione abbiamo ratificato i nuovi coordinamenti nelle Marche e in Umbria, che oggi ci fanno essere presenti in 9 regioni, con continue richieste di adesione che fanno guardare in positivo al nostro radicamento sul territorio. 
A tal proposito è stata aperta la nuova pagina RIVA DESTRA INTERNATIONAL, tramite la quale cerchiamo anche di interagire con realtà estere, alle quali presentare il volto pulito e fiero del nostro movimento (Vanda Servidei, ne è la responsabile e ha la nostra fiducia piena). 
E' anche passata la proposta di una grande convention nazionale da fare a ridosso delle elezioni europee: ora la palla sta a riflessioni di mera opportunità 'numerica' e logistica. Credo infatti che questo appuntamento elettorale non possa vederci completamente inoperosi come struttura e invece possa essere un'occasione per stabilire contatti e relazioni importanti per la nostra crescita: presentarsi in questo modo sarebbe il miglior bigliettino da visita. Certamente la strada intrapresa, che continua a far seguito fedelmente al documento politico di Riva Destra, è quella giusta: non portare più acqua al mulino di chi a destra ha fallito ed essere le avanguardie di una nuova cornice intorno alla quale ridipingerne una nuova, più pulita, più coerente, più capace.
Anche in quest'ottica è stata votata l'alleanza con Destra di Base, è un tentativo obbligato per cercare di costruire insieme un fronte comune e più allargato possibile, che possa essere di richiamo a chi invoca maggiore unità e volti nuovi. 
E' stata anch'essa una votazione 'sulla fiducia', come 'sulla fiducia' sono stati scelti tutti i ruoli che oggi ognuno di noi ricopre in Riva Destra.
Mai venga allora meno, questa fiducia, con la quale dobbiamo vedere sempre il nostro orizzonte: insieme alla buona fede e alla consapevolezza di percorrere l'unica strada possibile per il bene della destra e della nazione intera, sono l'unico patrimonio su cui possiamo contare. E non è poco.
Buona settimana a tutti. 

Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com

sabato 15 febbraio 2014

PARTITI:RIVA DESTRA APRE NUOVI COORDINAMENTI IN UMBRIA E MARCHE. PRESENTI IN 9 REGIONI E UNA SEZIONE PER L'ESTERO

ROMA, 15 FEB -"Con i nuovi coordinamenti di Ancona e Perugia, il movimento Riva Destra e' oggi ufficialmente presente anche in Umbria e nelle Marche, oltre che in Lombardia, Sicilia, Piemonte, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Toscana e con un coordinamento anche per l'estero. I nuovi responsabili provinciali sono stati eletti on line all'unanimità dei votanti, che sono stati l'81% degli aventi diritto: la nostra pagina Facebook ormai raggiunge circa 750.000 persone settimanalmente".
Lo comunica una nota del movimento Riva Destra, "nato nel 1994 come primo circolo di Alleanza Nazionale".
"Lavoriamo - continua la nota - per unire dal basso la destra, dai movimenti di base, di altri militanti come noi, e puntiamo tutto su nuovi volti, su giovani politici, onesti, coraggiosi, leali e capaci, che possano ricostruire sulle macerie: sui territori ce ne sono tanti altri, che non aspettano altro di essere valutati sulla meritocrazia e quindi rafforzati, per ridare con nuove energie una nuova destra all'Italia.
I colonnelli della ex Alleanza Nazionale? - conclude la nota - Non ascoltiamo il canto di queste sirene e della loro minestra ripassata, avariata e andata a male: quando hanno avuto le loro occasioni di governo, si sono dimenticati di essere di destra, non hanno lasciato alcuna traccia positiva, sono stati sonoramente bocciati a ogni rielezione e oggi si scoprono nostalgici della destra? Con loro si torna indietro, e male".

Riva Destra comunica l'elenco aggiornato con i nuovi coordinatori: 

Fabio Sabbatani Schiuma

La nostra pagina su Facebook

www.studiostampa.com

venerdì 14 febbraio 2014

RIVA DESTRA: COSTRUTTIVO INCONTRO DEL DIRETTIVO IERI ALLO SHA


La serata di ieri per me e' stata molto costruttiva. Fabio mi ha elettrizzato con la sua passione, le sue osservazioni ed idee. Fabrizio mi ha confortato perché e' una presenza di "gentile autorevolezza": competente ed equilibrato, e' il perfetto rappresentate di una destra sociale giovane, intellettuale e rassicurante. 
Adoro la determinazione di Alfio: un grande motivatore!
L'intervento di Aldo e Patrizia e' stato molto informativo: la loro esperienza e' davvero preziosa. Ho anche avuto il piacere d'incontrare delle persone che conoscevo solo via Facebook ed e' stato piacevole perché mi ha fatto sentire il calore e la solidarietà del nostro gruppo. Ringrazio tutti e vi auguro buon lavoro: sono sicura che cresceremo sempre più numerosi e più forti! 
Lunga vita a Riva Destra !!! 

Vanda Servidei

www.studiostampa.com

SCHIUMA, RIVA DESTRA: IL NOSTRO IMPEGNO*

A destra è da dimenticare l'idea di trovare un accordo 'democratico' - chiamiamolo così - tra tutte 'le destre' più o meno presenti: ognuno, spesso anche il singolo militante, se non l'elettore, ha la 'sua' ed è convinto che sia la migliore rispetto a quella degli altri. 
Si discute sempre sulle cose che dividono prima che di quelle che uniscono. Il concetto di 'individuo' infatti, che è alla base del nostro ambiente, contrapposto alla 'massa', propria della sinistra, apre all'individualismo sfrenato nel momento di mancanza di una forte leadership, unica soluzione per mettere tutti daccordo - vedi le dinamiche del branco - e si finisce così nella logica dell'interesse personale, del piccolo orticello, dell'homo homini lupus, nella legge della giungla. Un dato è certo, quasi biologico: non essendoci un leader riconosciuto tra gli attuali 'capi', si va verso le battaglie fratricide che poi portano al rimanere marginali. Con il risultato pessimo di non dare spazio a nuove piante per crescere, dal momento che le presenti - nonostante non abbiano dato frutti buoni, anzi li hanno dati, ma avvelenati - quasi secche, continuino a fare ombra e a succhiare energia dal terreno. A noi di Riva Destra non interessano le polemiche: pensiamo solamente a non portare più acqua a queste piante vecchie e, guardando al domani, a crescerne di nuove, più robuste e forti. 
Che diano frutti migliori.
* ORA CHE RIVA DESTRA STA INIZIANDO DAVVERO A CRESCERE, E' MEGLIO NON DIMENTICARE MAI CHI SIAMO E COSA VOGLIAMO. 

Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com

Una cosa attualmente è certa: LA CASA COMUNE DELLA DESTRA ITALIANA NON ESISTE.


Ci sono in giro Fratelli d'Italia-Centrodestra Nazionale (FDI) e Nuovo Centrodestra (NCD) che altro non sono se non le brutte copie del PDL che fu. Alle riunioni del partito di Alfano si fanno i saluti romani mentre i Fratelli di Ignazio "richiamano il corno" e fanno il "saluto del legionario". La confusione regna sovrana ma non nella mente degli ex-colonnelli di Fini che su un punto concordano all'unanimità: impedire la rinascita della Casa Comune della Destra Italiana neutralizzando i tentativi dell'unico che ancora ci crede veramente, Francesco Storace. A questo punto, mi chiedo: perché dare credibilità a FDI e NCD? Perchè portare acqua a delle brutte copie del Pdl ed a gente che sta "sputando nel piatto in cui ha abbondantemente mangiato"? Ripartiamo dalla base e da persone valide su cui poter ricostruire. Se oggi l'alternativa "istituzionale" è scegliere tra brutte copie e l'originale allora non ci sono dubbi. Poi verranno tempi migliori....

Aldo Atti 
www.rivadestra.it

www.studiostampa.com

ROMA:Vanda Servidei all'Ufficio Estero di Riva Destra.

LA DESTRA SEI TU - E' ovvio che per aprire un nuovo ciclo per la destra italiana, con rinnovamento di classe dirigente ed energie fresche, è fondamentale che si mettano da parte tutti quei colonnelli che la destra l'hanno distrutta, fallendo ogni occasione di governo avuto, rinunciando a 'fare cose di destra' per compiacere gli avversari e cercare magari di conquistarli, finendo così poi per deludere chi li aveva sostenuti e perdendo comunque ogni elezione di conferma alla guida di un'istituzione locale. Sono politici ai quali non va più portata acqua al mulino, specialmente ora che si riscoprono di destra ed emettono il loro canto delle sirene per ammiccare di nuovo le persone in buona fede. Noi di Riva Destra guardiamo al domani e lavoriamo in questa direzione, dando forza a nuove leve, a giovani capaci, leali e coraggiosi che meritano una chance per dimostrare che una destra alla Marine Le Pen è possibile anche in Italia. In poche settimane siamo 'approdati' in alcune province (Cuneo, Bergamo, Bologna, Arezzo, Roma, Napoli, Catania, Messina, Agrigento, Enna, Ragusa, Siracusa e tra gli Italiani all'Estero) e in altre stiamo verificando le disponibilità che, grazie a Dio, crescono di ora in ora. Stiamo poi dialogando con altri movimenti di base, che si sentono orfani come noi, ma che non si arrendono e hanno voglia di combattere. Insieme.
RIVA DESTRA 
per una NUOVA DESTRA, UNITA, CAPACE E CORAGGIOSA. 

Vanda Servidei 

www.studiostampa.com

giovedì 13 febbraio 2014

BOLOGNA: GAROTTI (RIVA DESTRA), SOLIDARIETA' AI CITTADINI DI BORGO SAN PIETRO. SINDACO RIPASSI 'TEORIA DEL VETRO ROTTO'

"Le recenti proteste dei residenti di Borgo San Pietro, ai quali vanno la nostra solidarietà e il nostro sostegno, nei confronti della microcriminalità e dello stato di abbandono della zona sono la dimostrazione che quando parliamo di una città degradata non parliamo a vanvera come fa il nostro Sindaco: invece di straparlare di faraoniche opere inutili, che non vedremo mai, consigliamo al primo cittadino di ripassare la teoria del vetro rotto'. 
Lo dichiara Monica Ricci Garotti, coordinatore del movimento Riva Destra a Bologna, in una nota congiunta con Fabio Sabbatani Schiuma, segretario nazionale.
Se infatti - conclude la nota - la pubblica amministrazione non si prende cura di cose a prima vista non legate all'ordine pubblico, come appunto il vetro rotto di un autobus o di una metro o la sporcizia e il caos dei quartieri, questi innescano un meccanismo perverso che porta all'aumento esponenziale di fenomeni di violenza. In altri termini le battaglie contro il degrado e quella per l'ordine pubblico sono la stessa cosa". 

Riva Destra Bologna - Monica Ricci Garotti

www.studiostampa.com

Giochi finiti per la Regione Piemonte capitanata da Roberto Cota ed il centrodestra.

Molti i commenti politici e le previsioni per un futuro ancora incerto, tra chi esulta e chi si indigna.
Giochi finiti per la Regione Piemonte capitanata da Roberto Cota ed il centrodestra. Giochi che sono stati ad ostacoli fin dal giorno dopo delle votazioni, tra ricorsi e avvisi di garanzia.
Da una parte e dall'altra si scaldano i motori per preparare le liste ma soprattutto è già scattato da tempo - prima ancora del pronunciamento del Tar - il toto governatore che vede schierati in pole position l'ex sindaco di Torino ed ex presidente della Fondazione Sanpaolo Sergio Chiamparino per il centrosinistra e per il centrodestra Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa nell'ultimo governo Berlusconi e fondatore dei Fratelli d'Italia con Ignazio La Russa e Giorgia Meloni. Sono loro i più quotati, nonostante i mal di pancia da una parte e dall'altra. 
La pensa più o meno allo stesso modo il coordinatore del Movimento Riva Destra a Cuneo Francesca Salvagno: "Una sentenza, quella del Consiglio di Stato, che conferma in Italia la modifica della Costituzione: la sovranità non appartiene più al popolo. Con una sentenza 'politica' si ribaltano finanche i due precedenti pronunciamenti da parte dei tribunali di Asti e Cuneo". "E' un calcio - conclude la nota - alla democrazia e ai piemontesi, i quali dovranno recarsi di nuovo al voto con il dubbio dell'utilità concreta della volontà popolare: se vince la sinistra è democrazia, se perde si va dai giudici, o al Quirinale". 

Fonte: TARGATOCN - Articolo Completo QUI !

Francesca Salvagno

www.studiostampa.com

mercoledì 12 febbraio 2014

ARTICOLO DEL QUOTIDIANO LA SICILIA SU ELSIE VIRZI'

La Sicilia, quotidiano con il maggior numero di lettori nell'isola, 
ha dedicato un articolo alla coordinatrice del nostro Movimento ad Enna.
Brava ad Elsie ed ai coordinatori di Riva Destra nelle città italiane.
Scriveteci per informarvi su come entrare a far parte di Riva Destra 
o su come diventare coordinatori nella vostra città!!!
Vi aspettiamo!!
Lo staff di Riva Destra 

lunedì 10 febbraio 2014

GIOVEDÌ 13/2, ore 18, riunione a Roma sulla "Riva Destra".

Importante incontro del Direttivo di "Riva Destra", interverranno, Alfio Bosco (portavoce del Movimento), il Consigliere Regionale Fabrizio Santori (Presidente Onorario di "Riva Destra" e Fabio Sabbatani Schiuma (Segretario Nazionale di "Riva Destra"). L'appuntamento è allo Sha, di via Borsieri 7/b (zona piazza Mazzini). La riunione terminerà alle ore 20. 

LA NOSTRA PAGINA SU FACEBOOK

www.studiostampa.com

sabato 8 febbraio 2014

RIVA DESTRA APRE 13 COORDINAMENTI IN 8 REGIONI E UNA SEZIONE PER L'ESTERO

"Lavoriamo per destra unita dalla base: servono facce nuove, non vecchi colonnelli".
ROMA, 8 FEB - "Da oggi il movimento Riva Destra e' ufficialmente presente anche in Lombardia e Veneto, oltre che in Sicilia, Piemonte, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Toscana e con un coordinamento anche per l'estero. I nuovi responsabili provinciali sono stati eletti on line all'unanimità dei votanti, che sono stati l'81% degli aventi diritto: la nostra pagina Facebook ormai raggiunge circa 750.000 persone settimanalmente".
Lo comunica una nota del movimento Riva Destra, "nato nel 1994 come primo circolo di Alleanza Nazionale".
"Lavoriamo - continua la nota - per unire dal basso la destra, dai movimenti di base, di altri militanti come noi, e puntiamo tutto su nuovi volti, su giovani politici, onesti, coraggiosi, leali e capaci, che possano ricostruire sulle macerie: sui territori ce ne sono tanti altri, che non aspettano altro di essere valutati sulla meritocrazia e quindi rafforzati, per ridare con nuove energie una nuova destra all'Italia. I colonnelli della ex Alleanza Nazionale? - conclude la nota - Non ascoltiamo il canto di queste sirene e della loro minestra ripassata, avariata e andata a male: quando hanno avuto le loro occasioni di governo, si sono dimenticati di essere di destra, non hanno lasciato alcuna traccia positiva, sono stati sonoramente bocciati a ogni rielezione e oggi si  scoprono nostalgici della destra? Con loro si torna indietro e male". 
Riva Destra comunica "l'elenco dei nuovi coordinatori: 


giovedì 6 febbraio 2014

Ottimo servizio del TG5 sul caso dei nostri Marò.