Ultimissime

lunedì 9 dicembre 2013

ITALIA nel CAOS.

"Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi", diceva Nietzsche. Beh, è proprio il caso di dire che in Italia stiamo nel pieno di questa condizione. Mentre Renzi, un ex democristiano, devasta la nomenklatura post comunista, il governo annaspa e tira a campare sul culo degli italiani, a destra, oltre a Berlusconi che non molla, ci sono gli ex colonnelli che, dopo aver cannibalizzato le occasioni di governo avute, ora passano ai soldi - del simbolo frega poco - della fondazione di Alleanza Nazionale e i forconi scendono in piazza insidiando il monopolio della protesta ai grillini, che hanno già mostrato le loro lacune istituzionali, l'Italia è nel caos, politico, finanziario e, soprattutto morale. E allora? Questa stella danzante? Io penso che questa sia dentro ognuno di noi. Non ho mai creduto nelle rivoluzioni - mi è bastato leggere da quasi adolescente 'La fattoria degli animali' di Orwell e studiare la storia italica, per capire che non siamo rivoluzionari da piazza, ma più da 'armiamoci e partite' - ma nella ribellione delle coscenze individuali si. Ora bisogna capire se siamo la maggioranza a guardare con rabbia quanto accade, a essere disponibili a rimboccarsi le maniche, a essere convinti che questa nazione si risolleverà come tante volte è già accaduto, a rifiutare la logica del 'tanto peggio, tanto meglio' e a non volere essere normalizzati, o siamo destinati al dominio dei potenti e dei furbetti, e quindi al declino completo Insomma, è notta fonda di certo: ma è una notte perenne o una semplice notte polare?

di Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com