venerdì 3 maggio 2013

Fabio Sabbatani Schiuma (Pdl): “In campo per Roma, la città più bella del Mondo”.

Creato Giovedì, 02 Maggio 2013 13:00 | Data pubblicazione | Scritto da Samantha Trancanelli |
Ha scelto di fare la sua campagna elettorale nei mercati e nelle piazze della città a bordo del suo camper elettorale. Porta a porta, a stretto contatto con la gente e, soprattutto, mettendoci la faccia. Fabio Sabbatani Schiuma, componente dell’esecutivo romano del Pdl e candidato alle prossime elezioni comunali del 26 e 27 maggio, è rientrato quasi in zona Cesarini a novembre in Campidoglio, dopo quasi cinque anni di “esilio forzato”.  Ora è pronto a rimettersi in gioco ancora una volta. Con la passione, la tenacia e l’impegno di sempre.
Di nuovo in campo. Cosa l’ha spinta a compiere questa scelta?
“Il fatto che Roma è la città più bella del mondo, ma non è all'altezza di tante capitali europee. Sono tornato in Campidoglio a novembre scorso. Ho rinunciato a tutti i benefit, rimborsi lavorativi compresi, perché la politica per me non è un mestiere, ma una passione”.
Ha molti anni di esperienza in politica, nonostante la giovane età. Dove lo trova ancora l’entusiasmo che ha e la voglia di mettersi in gioco?
“Nel contatto diretto con l’elettore. Il mio numero di cellulare non è mai cambiato. Chiunque può chiamarmi e sa che io rispondo. Sempre. Se posso risolvere un problema lo faccio e se non posso, lo dico. Vengo dalla destra sociale e il mio primo impegno è sempre stato quello di aiutare le persone più bisognose”.
La politica oggi vive un momento complicato, di crisi e ha difficoltà a parlare alla gente. Come si può secondo lei superare tutto questo e farla riavvicinare ai cittadini, in vista anche delle elezioni romane?
“Intanto contrariamente alle politiche, alle comunali ancora si può esprimere la preferenza e scegliersi la persona alla quale dare la delega. Gli elettori e i simpatizzanti li invito anche a casa mia, offro loro la massima trasparenza e mi piace guardarli negli occhi. Sono un cittadino come loro e voglio essere il loro rappresentante, cercando di portare in Campidoglio le idee, le proposte e le critiche di coloro che mi votano”.
Le sue prime battaglie in Campidoglio quali saranno?
“Innanzitutto la tolleranza zero nei confronti dei nomadi, che significa fargli rispettare le leggi italiane. Poi il problema del traffico, che a Roma è assolutamente insostenibile e proporrò di nuovo il piano strategico per la mobilità sostenibile. Il traffico non si sconfigge con gli appelli a non utilizzare i veicoli privati. Poi il turismo, con la richiesta dell’istituzione dell’assessorato al turismo e, inoltre, la movida, che vede la nostra città lontana anni luce dagli standard europei, con alcol e musica, senza una regia e un piano regolatore del divertimento”.
L’ultima: perché scegliere proprio Schiuma alle prossime elezioni?
“Perché si avrebbe una persona onesta, che non fa questo per mestiere ed ha una competenza in materia data da 13 anni di consiglio comunale”.
Categoria: politicando
www.studiostampa.com