lunedì 18 marzo 2013

Lottare Contro, Lottare PER !

di Giancarlo Bertollini
Speriamo che gli Italiani imparino a dividere le persone in Oneste e Disoneste e non in base al colore politico. Gli schieramenti tra Rossi e Neri, Laziali e Romanisti, Coppi e Bartali, Innocentisti e Colpevolisti, ci hanno portato sempre più in basso. La persona che abbiamo di fronte non deve essere considerata un Nemico da Distruggere, da uccidere, ma un Semplice Avversario da Battere, da Superare, con le Idee e la Giustizia. Dobbiamo imparare a Lottare "PER" (un progetto, un'idea, un sogno) e non "CONTRO".
di Aldo Atti
Cosa accade a destra del Pdl? Nulla di nuovo. La Destra di Storace é in fibrillazione con le varie "anime" in tensione tra loro e con Tilgher all'attacco della linea Storace. Si ipotizza una "vaga Costituente" da convocare ancora non si sa quando e soprattutto con chi. La Fiamma Tricolore é nobilmente attestata sulle posizioni di sempre ma senza sbocchi o prospettive di crescita. Forza Nuova prosegue in un cammino di coerenza e di "splendido isolamento" che elettoralmente non incide. Anche Casapound, rifiutando etichette di "destra", porta avanti legittimamente la propria Identità considerando negativamente le proposte politiche altrui. Ma tutto questo come viene giudicato dagli Italiani? Con percentuali dello zerovirgola. Massimo rispetto, ripeto, per le scelte che legittimamente vengono portate avanti a destra del Pdl. Ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Nessuna "unità", nessuna "costituente" è oggettivamente possibile e proponibile. I "Fratelli d'Italia", invece, a parte Crosetto, altro non sono se non i reduci di una parte di quella An che, orfana di Fini e di Fiuggi, ha pensato bene di "sputare nel piatto in cui aveva mangiato" per poi però chiedere subito una "scodelletta made in Arcore" per evitare una sicura estinzione. Se si esce da un Partito contestandone la leadership e vergognandosi dei suoi esponenti, coerenza vuole che poi, come primo atto politico, non si vada a chiedere una alleanza con Berlusconi. Almeno Fini questo si è ben guardato dal farlo. Cosa fare, quindi? Mi sembra ovvio, per chi come Riva Destra non ha alcuna intenzione di lasciare campo libero al centrosinistra ed ai grillini. Per chi non ne può piú dei Napolitano, delle Boldrini, delle Annunziata, di Bersani, di Vendola, dei Magistrati Militanti, dell'ambasciatore americano a Roma che elogia le 5Stelle grilline, dell'India che ci umilia davanti al mondo intero, dell'Europa che si permette di dire chi deve stare a Palazzo Chigi. Siamo stufi e desiderosi di combattere per gli interessi del Popolo e della Nazione. Che fare? Aspettare l'Araba Fenice della Costituente? No! Ci si schiera insieme all'esercito che attualmente è sulla linea più avanzata del fronte. Oggi è così, domani si vedrà.
di Aldo Atti
www.studiostampa.com